La “piovra” di Catena Umana e il “mercato delle vacche” su Facebook

MIA17 Nomination
Quest'anno risulto tra i candidati al premio Macchianera 2018. Per votare dovete lasciare la vostra preferenza ad almeno 10 categorie.

Oggi tocca a “Mr. Catena Umana“, il noto Vincenzo Todaro che si mostrava orgoglioso al pubblico per aver “inguaiato” Maurizio Gasparri con la disgustosa bufala ai danni di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo in cui sosteneva che avessero fatto sesso consenziente con i sequestratori. Si sarebbe meritato una bella denuncia, ma questa volta è arrivata da Francesca Brancati. Era da un po’ di tempo che ne volevo parlare, ma dopo il brutto episodio avvenuto a Francesca ho giustamente atteso per potervelo raccontare in TV assieme a Le Iene (link del servizio) dopo il caso di Libero Giornale.

Vincenzo Todaro mentre mostra la bufala su Greta e Vanessa – foto Gazzettadiparma.it

Giusto per iniziare, eccovi la “piovra” dei siti legati all’account Adsense “Catena Umana” ricostruita prima che Google lo bloccasse:

  • Catenaumana.com
  • Ilgiornalenews.com
  • Segretodistato.com
  • Riscattonazionale.com
  • Skytg24news.com
  • TgCom24news.com
  • Gazzetta24.com
  • Messaggiero.com
  • Repubblica24.com
  • Mafiacapitale.info
  • Attaccomirato.com

Da notare l’account Twitter di “Catena Umana” che condivide gli articoli dei siti appartenenti alla “Piovra” (1,2,3,4):

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non solo siti e account Twitter, ma anche tante pagine Facebook:

Parliamo, al momento e contando solo queste pagine, oltre un milione di “mi piace”. Mancano all’appello quelle scomparse come:

Avete notato i nomi strani di certe pagine, come ad esempio “Suona e scappa“? Come mai ha quel nome? Vi siete domandati, inoltre, come mai il nome della pagina “Mafia Capitales” risulterebbe essere stato in precedenza “@whatsappecultura“?

Notate il dettaglio in basso alla foto del profilo della pagina: “@whatsappecultura”

Esiste un “mercato delle vacche” dove gli utenti vendono le proprie pagine Facebook al miglior offerente. Tra questi c’è proprio Todaro che, in uno dei tanti gruppi, pubblica annunci con offerte ben chiare:

Todaro: “Compro pagine Facebook attive da almeno 100k da 700 euro. da 200k a 2.000”

Eccolo che ammette, attraverso uno dei tanti account a suo nome, di essere stato intervistato da Le Iene e rinuncia ad una pagina:

Todaro: “ABBANDONO, mi sono venute a trovare le Iene stasera a casa. non so come finisce 🙂 domani mi sa che la trasmettono”

A quanto pare non importa se una pagina tratta temi diversi, l’importante è che siano attive e abbiano seguito, tutto utile per diffondere e monetizzare attraverso la condivisione degli articoli dei propri siti. Gli utenti, a questo punto, sono solo numeri. Le pagine possono essere acquistate e poi rinominate, ma dovrebbero poi rispettare le regole di Facebook:

I nomi delle Pagine e gli indirizzi Web di Facebook devono riflettere in modo esatto il contenuto delle Pagine. Possiamo rimuovere i diritti di amministrazione o richiedere la modifica del nome della Pagina e dell’indirizzo Web di Facebook per le Pagine che non soddisfano questo requisito.

[…]

Le modifiche del nome e le unioni non devono comportare collegamenti fuorvianti o non voluti e non devono cambiare in modo sostanziale l’oggetto della Pagina.

Numeri che vengono gonfiati anche grazie ad attività ingannevoli tramite gli stessi siti, dove basta cliccare su una “X” per chiudere un popup che si finisce per diventare fan della pagina Facebook “Questa è L ‘ Italia“:

Il codice con il tasto “mi piace” nascosto (in lingua bulgara)

Esiste anche un gruppo Facebook chiamato “Catena Umana” dove un account “Vincenzo Todaro” condivide l’articolo bufala ai danni della figlia di Laura Boldrini:

La condivisione nel gruppo

Vincenzo Todaro ha dichiarato a Le Iene che il progetto “Catena Umana” è un’opera di ribellione contro il “Sistema”, ma a quanto pare la sua “alternativa” è ingannare il popolo con bufale e disinformazione (oltre che diffamazioni). Questa volta, però, ha trovato chi lo porterà in tribunale e non ha intenzione di fermarsi. Mi aspetto, inoltre, che anche Il Giornale si muova in tal senso visto che la pagina legata al sito usa il logo della testata presente su Facebook:

Il logo copiato (destra) da quello vero de Il Giornale (sinistra)

AGGIORNAMENTO

Tramite il sito Tgcom24news.com è possibile notare che il tasto “acchiappa like” fornisce “mi piace” alla pagina Facebook “Fronte Nazionale Italia” che diffonde articoli dei siti sopra citati (1,2,3).

La pagina presenta il link al sito Frontenazionale.org, ma da questo si nota che la pagina ufficiale è un’altra. Spiegazioni dal Fronte?

La pagina che diffonde gli articoli dei siti della “Piovra”

 

La pagina linkata dal sito ufficiale del Fronte

Ecco il codice:

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.