Coppia lesbica picchia a morte un bambino? Un sito usa la foto di due italiane diffamandole

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 6 marzo 2017 la pagina Facebook “Il Giornale News“, che sfrutta il logo del noto “Il Giornale”, pubblica il seguente post:

Il vergognoso post

L’articolo linkato, pubblicato nel 2016, parla di una coppia lesbica di Johannesburg (Sud Africa) che avrebbe picchiato a morte un bambino di 4 anni perché non avrebbe detto “papà”:

Johannesburg – Bambino di 4 anni, è stato brutalmente percosso, e ucciso, per essersi rifiutato di chiamare la compagna della madre, “papà”.

Lydia Nkomo, e sua figlia Aletta Lesiba, entrambe commesse (nere) nel negozio di proprietà della coppia (bianca), hanno riferito di aver visto la compagna della madre biologica scagliarsi violentemente contro il bambino dopo la richiesta, ed il conseguente rifiuto dello stesso, di chiamare la donna, papà.

Un articolo di cui si erano già occupati i colleghi di Butac addirittura nel 2014, ma il problema rimane la foto usata per la condivisione del 2017 dove vengono ritratte due donne italiane.

Sappiate che l’articolo del sito Ilgiornalenews.com è stato modificato il 6 marzo 2017 sera, anche l’immagine usata per la condivisione Facebook, troppo tardi:

<meta property=”article:published_time” content=”2016-06-27T15:25:30+01:00″ />
<meta property=”article:modified_time” content=”2017-03-06T19:42:31+01:00” />
<meta property=”og:updated_time” content=”2017-03-06T19:42:31+01:00” />
<meta property=”og:image” content=”http://ilgiornalenews.com/wp-content/uploads/2016/06/Schermata-2017-03-06-alle-18.16.31.jpg” />

Troppo tardi perché alle 13:21 del 6 marzo 2017 una delle donne presenti nella foto su Facebook, Francesca Brancati, ha denunciato pubblicamente l’uso scorretto della sua fotografia annunciando azioni legali tramite il suo avvocato di fiducia:

Chiedo ai miei contatti di segnalare questa pagina Facebook ed anche “ilgiornalenews.com” in quanto hanno utilizzato in maniera inappropriata e direi gravissima una mia foto collegata ad un articolo indecente e vergognoso . Provvederò ad esporre denuncia in procura tramite il mio legale di fiducia Roberta Porro e con il supporto delle associazioni Lgbt . Grazie

La stessa pubblica anche lo screenshot del sito “Ilgiornalenews.com” riportante la sua foto:

Lo screenshot del sito con la foto prima della modifica del proprietario

Veniamo ora al nome della persona collegata al sito, ossia Vincenzo Todaro, noto per essere il gestore e proprietario dei siti “Catena Umana“. Dalla pagina “Privacy e Cookies” troviamo facilmente la sua email:

Politica dei cookie di questo sito in adempimento alla direttiva del Garante della Privacy che ha accolto una direttiva europea che impone a tutti gli amministratori delle pagine web di mostrare agli utenti un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di assoggettare la sua approvazione al proseguimento della navigazione.
Visto quanto scritto sopra se hai bisogno di altre informazioni o se hai delle domande da farci sulla politica della privacy di questo sito, puoi contattarci tramite mail a questo indirizzo.
VINCE@CATENAUMANA.IT
In questa pagina troverai tutte le modalità che descrivono come vengono ricevute le informazioni e come vengono utilizzate da http://ilgiornalenews.com/ che utilizza cookie ovvero dei file testuali.

Ho in mano ulteriori prove che collegano Vincenzo Todaro al sito Ilgiornalenews.com, ma nel frattempo mi domando se la proprietà de Il Giornale è interessata a far valere i suoi diritti su un logo:

Il logo copiato (destra) da quello vero de Il Giornale (sinistra)

Sappiate che ad oggi uno degli account principali di Vincenzo Todaro è “scomparso”.

 

AGGIORNAMENTO

L’articolo è stato rimosso dalla pagina “Il Giornale News”, ma rimane in altre pagine come “Catena Umana” e “Se ti fai un altra birra la prima non s incazza“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.