Rifiuti a Roma e bias di conferma: la foto della Meloni e il maiale

MIA17 Nomination
Quest'anno risulto tra i candidati al premio Macchianera 2018. Per votare dovete lasciare la vostra preferenza ad almeno 10 categorie.

L’undici gennaio 2018 Giorgia Meloni condivide nella sua pagina Facebook la foto di un maiale grufolante in mezzo alla monnezza romana:

L’immagine di Roma, Capitale d’Italia e d’Europa. Il fallimento dell’amministrazione Raggi è ormai ben noto a tutti, tranne che al M5S, che invece di risolvere il problema rifiuti, continua a dare la colpa alle precedenti amministrazioni. #GiorgiaMeloniPremier #4marzovotaFdI 🇮🇹

Qualche utente tra i commenti al post della Meloni ha sostenuto che si trattasse di una foto scattata nel 2013:

Teresa: “Cara Meloni… almeno abbia la decenza di.pubblicare foto attuali . Questa risale al 2013 …suvvia ste figurette io neanche in terza media le facevo!!

Maurizio: “Dove si può vedere questa foto del 2013?

Teresa: “Vecchia foto del messaggero di quell’anno

L’articolo del Messaggero è quello del 27 dicembre 2013, ma della foto in questione non c’è traccia e la zona era tutt’altra (via Montagnana, Selva Nera):

L’articolo del 2013 del Messaggero

Ecco le foto pubblicate dal Messaggero, ma anche quelle pubblicate da RaiNews recuperandole dal blog “Roma fa schifo” (i maiali tornarono anche nel 2014):

Questo slideshow richiede JavaScript.

RomaToday pubblica anche un video riportando anche il luogo dell’accaduto:

Lo scatto (di ieri mattina) arriva nel giorno della convocazione del consiglio straordinario sui rifiuti, postato dalla leader di FdI Giorgia Meloni sui social network. Siamo, secondo quanto appreso e verificato da RomaToday, in via Ponte delle Sette Miglia, nel quartiere Romanina, VII municipio della Capitale, uno dei tanti coinvolti dalla crisi dei ifiuti che sta investendo la città.

Finché non verrà pubblicato un link con un articolo o post o tweet datato 2013 con la foto e/o il video in questione non si potrà in alcun modo sostenere che non sia attuale, ma qualcuno vorrà continuare a credere che sia datata nonostante tutto.

Poi c’è Mario che contesta la foto sostenendo che gli scatti del 2013 vennero fatti durante la giunta Alemanno. La cosa simpatica è che il commento era stato modificato, prima domandava quale era la giunta e probabilmente ha “verificato” riportando l’articolo del Messaggero del dicembre 2013 (era in carica Marino):

Mario (prima della modifica): “ah bufalara!!! E’ una foto del 2013 ….chi c’era Alemanno o Marino ?

Mario: “I maiali che rovistano nella spazzatura a Roma sono stati fotografati nel 2013 quando c’era Alemanno …. http://www.ilmessaggero.it/…/maiali_rifiuti_raccolta…

Interviene anche Adriano Valente, uno degli admin della pagina Facebook “Virus5Stelle“, il quale sostiene anche lui la teoria “Alemanno“:

Adriano: “La foto non fa altro che rendere l’idea di come governava alemanno.. Foto del 2013..

Ricordiamo che Gianni Alemanno fu sindaco di Roma tra il 28 aprile 2008 e l’undici giugno 2013, le foto erano del dicembre 2013 con a carica Ignazio Marino. Potevano anche controllare su Wikipedia:

Gli ultimi sindaci romani dal 2008 ad oggi

In fondo non sono tanto diversi l’uno dall’altro, hanno tutti voglia di aver ragione per screditare l’altro.

Vorrei ogni tanto rispondere agli esaltati, ma è inutile perché anche se ho smentito in passato molte foto attribuite alla giunta Raggi per loro non cambia nulla. Questi articoli serviranno a chi magari non ha la mortadella negli occhi:

Il bias di conferma

Facciamola breve:

È un processo mentale che consiste nel ricercare, selezionare e interpretare informazioni in modo da porre maggiore attenzione, e quindi attribuire maggiore credibilità a quelle che confermano le proprie convinzioni o ipotesi, e viceversa, ignorare o sminuire informazioni che le contraddicono. Il fenomeno è più marcato nel contesto di argomenti che suscitano forti emozioni o che vanno a toccare credenze profondamente radicate.

Spiegazioni per questo bias includono il pensiero illusorio e la limitata capacità umana di gestire informazioni. Un’altra spiegazione è che le persone sopravvalutano le conseguenze dello sbagliarsi invece di esaminare i fatti in maniera neutrale, scientifica.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.