L’account TELADOIOLANIUS rimuove il tweet bufalaro, rimuova anche quello complottaro su Aylan

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Mi fanno notare che il tweet dei due presunti islamici che “violano una statua raffigurante la Madonna” (leggete la sbufalata nel mio precedente articolo) è stato rimosso dall’account TELADOIOLANIUS. Bene, andiamo avanti.

Il 19 agosto 2017 lo stesso account pubblica il seguente tweet:

Aylan fu trovato morto tra gli scogli
portato sulla spiaggia e la sua foto
usata per giorni dal PD. Per il bimbo morto
spagnolo foto vietate

Un montaggio vergognoso dettato da una malafede mostruosa, e ci vado piano. Aylan non fu affatto trovato morto tra gli scogli e portato successivamente sulla spiaggia per scattargli le foto, perché quello sugli scogli era suo fratello Ghalib.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Bastava vedere la suola delle scarpe per comprendere che si trattava di due bambini diversi.

Le scarpe dei due fratelli

I gestori dell’account Twitter TELADOIOLANIUS sono lettori di Rosario Marcianò o Maurizio Blondet?

La condivisione dell’articolo di Blondet da parte di Marcianò

Per quanto riguarda il bambino morto a Barcellona ho scritto un articolo dal titolo “Il potere strumentale delle immagini e il peso del giornalismo” dove spiego perché certe foto non dovrebbero comparire nei media.

 

P.S. Noto che i gestori dell’account TELADOIOLANIUS il 19 agosto cascano come sciocchi alle trollate di NAMELESS (di cui avevo parlato il 17 agosto in un articolo):

Cascano nella trappola di NAMELESS

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.