Il sito burla Redditodicittadinanza2018.it

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 9 marzo 2018 è stato registrato un dominio molto curioso. Si tratta di Redditodicittadinanza2018.it e potrebbe trarre in inganno se non lo leggete bene:

Reddito di cittadinanza 2018-2019
Il reddito di cittadinanza è un contributo che lo stato garantisce alle famiglie in difficoltà che non percepiscono reddito o con redditi molto bassi. In particolare si potranno ottenere fino a 780€ per persona singola e fino a 1638€ a coppia al mese.
Nel mentre saranno le istituzioni ad offrirvi periodicamente delle posizioni lavorative (rubbish manager, private investigations, tower of greek dependent, boat rower, ecc…) fino al soddisfacimento della vostra idea di impiego*.
* l’impiego non potrà essere rifiutato per più di 3 volte

A prima vista sembra abbastanza serio, se non fosse per il logo in alto a sinistra con la scritta “IMPS” (“Istituto Mondiale Provvidenza Solare“) che chiaramente non è l’INPS. Andiamo avanti scrollando verso il basso:

Hanno diritto al reddito di cittadinanza…

Immigrati non regolari e celiaci

Celiaci? Ci state pensando un attimo? Procediamo scrollando verso il modulo di richiesta dove dovreste inserire i vostri dati:

Il modulo

Sotto al bottone “Invia richiesta” leggiamo:

* nessun dato personale sarà inviato o salvato

Che senso ha, secondo voi, compilare un modulo se poi nessun dato verrà salvato? Ebbene, bisogna andare in fondo per leggere di cosa si tratta:

Il sito è stato sviluppato a fini ludici – Si ringrazia per la fantasia la campagna elettorale 2018
Made with love from Naples by Ministero dello sviluppo ergonomico – Ideato da Ars Digitalia

Il dominio, intestato ad Ars Digitalia, punta a questo sito che si burla della situazione legata al reddito di cittadinanza e dichiara apertamente la sua funzione senza raccogliere i vostri dati personali (qualcuno poteva pensare che si trattava di un sito con finalità di Phishing). Provate a compilare il modulo (con dati falsi, non importa) e “buon divertimento“.

Ah, se cliccate in alto a destra nel link “Sei un immigrato?” avrete un divertente risultato.

“Reddido di giddadinanza 2018-2019”

Sul sito Arsdigitalia.net troviamo un articolo dove spiegano questa iniziativa:

La satira come mezzo di educazione

Dopo una campagna elettorale come quella passata, pensiamo che sia compito della satira, anche molto spinta come quella che abbiamo creato (quasi Luttazziana), far riflettere gli elettori. I partiti ci potranno accusare di star giocando con la miseria delle persone, ma dovranno ammettere di averlo fatto loro in primis giocando su quella miseria per ottenere posti in parlamento con promesse alquanto discutibili. Non c’è nulla da ridere sulle persone che stanno chiedendo aiuto subito dopo le elezioni, potreste aver vinto sui loro reali bisogni e noi riteniamo opportuno per questo motivo educarli.

Abbiamo quindi mischiato un po’ di PD (con le sue foto ispirazionali e rassicuranti), un po’ di disinformazione leghista sugli immigrati (sgravi fiscali per loro e reddito di cittadinanza più alto se irregolari. Cliccate anche su “Sei un immigrato?” nella barra in alto per scoprire tutti i segreti del sito), e la promessa madre del Movimento 5 Stelle (un reddito per tutti sapientemente modificato alla danese da noi di Ars Digitalia).

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.