I fake bot Twitter provenienti dal Giappone

MIA17 Nomination
Quest'anno risulto tra i candidati al premio Macchianera 2018. Per votare dovete lasciare la vostra preferenza ad almeno 10 categorie.

Tutto inizia da questo tweet scritto da “Sara” (“@aydarsviserh“) il primo febbraio 2018:

Julia Roberts Claims ‘Michelle Obama Isn’t Fit to Clean Melania’s Toilet’

Un tweet palesemente pro Trump contro Michelle Obama che, secondo quanto avrebbe detto Julia Roberts, non meriterebbe nemmeno di pulire il bagno di Melania. Tutta una bufala, come riporta poi Snopes a dicembre 2017.

Il 2 febbraio 2018 “Justin Lacsamana” (“@monoriyarabane“) pubblica un tweet sulla Svezia e i musulmani:

UK GOVERNMENT warns travelers to avoid Sweden’s Muslim ‘No-Go Zones’ – The Right Side of News

Ancora una volta, ma da un diverso account, viene condiviso un link che rimanda ad al dominio Newspop.fun e non solo. Analizzando gli account scopro che si tratta di due “fake bot“.

Ecco gli ultimi tweet di Sara, tutti pubblicati tramite un’applicazione:

1) Mon Feb 19 08:57:22 +0000 2018
Testo: “Day 6 (Feb 13) Winter Olympic Events Schedule – TV & Online Streaming Guide https://t.co/2jBGGZ2f44″
Source: <a href=”http://www.fujiseal.co.jp/” rel=”nofollow”>monoriyarabane</a>

Curiosamente l’applicazione si chiama “monoriyarabane“, come il nick dell’account “Justin Lacsamana“, e si trova installata nel sito Fujiseal.co.jp. Viceversa, l’account di “Justin” è gestito da un’applicazione chiamata “aydarsviserh“, come il nick di “Sara“, e si trova installata nel sito Eidaikako.co.jp.

1) Mon Feb 19 08:53:15 +0000 2018
Testo: “Winter Olympics 2018: Canada get skating gold, Jamie Anderson wins slopestyle | Babblers https://t.co/idVGLJE4ca”
Source: <a href=”http://www.eidaikako.co.jp/” rel=”nofollow”>aydarsviserh</a>

Siamo a due siti giapponesi, ma alquanto strani:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Entrambi giapponesi, entrambi relativi a due aziende, ma nulla a che vedere con i contenuti diffusi dai due account Twitter. Provo a cercare qualcosa in più utilizzando come parola chiave il nome “Newspop” e scopro altri account come quello di “Cindy Thompson” (“@ketsubunnijin“) con un curioso tweet del 3 febbraio 2018:

Jeff Sessions Praises Trump for Ending a Crime Wave That Never Existed | Newspop

Questa volta l’applicazione usata si chiama come il suo nick, “ketsubunnijin“, e il sito in cui è installata è il giapponese Marutosangyo.co.jp:

Il sito dell’applicazione “ketsubunnijin”

Poi abbiamo “Chris Pitt” (“@ntokuyabutei“) con questo tweet del 2 febbraio:

Saturday Night Live just went megaviral with Trump doctor’s health check in epic cold open | Newspop

La storia si ripete con un’applicazione chiamata “ntokuyabutei” e installata nel sito Mirai.co.jp.

Ecco altri account che ho trovato con le rispettive applicazioni e siti in cui sono installate:

La lista è lunga, molto, ma risulta curioso che non ci sia un sito e un’applicazione unica. Ognuno dei “source” è diverso e non seguono un filo logico l’uno con l’altro. Il proprietario di questi bot potrebbe essere lo stesso del dominio Newspop.fun che purtroppo è offline e presenta un servizio di Whois Privacy. Diversi, invece, altri domini condivisi dai fake bot come Amanda, che condivide il sito Votyus.me di un tale “Atsufumi Otsuka“.

Attività di clickbait attraverso dei fake bot per guadagnare denaro? Molto probabile, ma la cosa che spaventa è che questa galassia di siti internet giapponesi indipendenti l’uno dall’altro potrebbero essere stati hackerati e che i malintenzionati abbiano installato all’interno di essi le applicazioni all’insaputa dei proprietari garantendosi un ulteriore “scudo” per essere identificati.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.