BUFALA Il sindaco di Olbia contro i profughi islamici e la carne di maiale nelle mense scolastiche

Il 26 novembre 2017 la signora Carla ha condiviso un’immagine, di cui riporto il contenuto, ottenendo oltre 32 mila condivisioni:

Quest’uomo è il sindaco di Olbia comune in provincia di Olbia-Tempio. In seguito alla richiesta di alcuni profughi islamici che avevano preteso l’abolizione della carne di maiale dalle mense scolastiche, ha risposto in una nota: “Qua siamo in Sardegna, e in Sardegna si rispettano le nostre regole e le nostre tradizioni. Qui si mangia la carne di maiale, si beve il buon vino e si rispettano le donne. Se vuoi la legge islamica te ne torni al tuo Paese.” Condividi se sei concorde!

Un atto di ignoranza perché Antonio Dessì, l’uomo ritratto nell’immagine, non è il sindaco di Olbia. Si tratta del fondatore e gestore del gruppo Facebook “Tango e le sue minchiate“, il suo volto dell’immagine diventata virale è la stessa presente nel gruppo:

L’immagine di copertina del gruppo di Dessì

Il resto dell’immagine condivisa da Carla ha origine in una vecchia bufala dove il sindaco era quello di Scraffingiu, personaggio comico del cabarettista Alessandro Pili (video):

La versione precedente della bufala

L’autore della bufala potrebbe essere lo stesso Antonio Dessì o di un suo amico, tanto che troviamo la stessa immagine condivisa pubblicamente sul suo gruppo Facebook il 14 novembre 2017:

L’immagine condivisa in precedenza dallo stesso Antonio Dessì

Non solo, lo stesso Antonio è venuto a sapere dell’immagine condivisa da Carla e ha commentato taggando il vero sindaco di Olbia, Settimo Nizzi:

IL SINDACO DI OLBIA È IL MIO SOCIO Settimo Nizzi❤IO SONO IL SINDACO DEI POVERI😳😳😳!!SCUSATE MA IO AMO LA MIA CITTÀ OLBIA❤😘GRAZIE A TUTTI😘❤

Intanto l’immagine è virale e qualcuno ci crede.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall’età di 7 anni. Laureato presso l’Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.

REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.