Il blog diffamatorio “Devinformarti”: la bufala su Elsa Fornero e “La Nigeria è più civilizzata di Napoli”

Dal 23 gennaio 2018 il mio blog non ha più banner pubblicitari e viene sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 14 ottobre 2017 il blog “Devinformarti” pubblica un articolo dal titolo “Fornero shock: “La Nigeria è più civilizzata di Napoli”” superando le 8 mila condivisioni Facebook:

Hanno destato stupore ed indignazione allo stesso tempo le parole pronunciate da Elsa Fornero Venerdì 13 Ottobre nel corso di un incontro tenutosi presso la facoltà di Economia dell’Università di Torino. L’ex ministro del lavoro ha infatti pronunciato parole non particolarmente affettuose nei confronti del popolo partenopeo, definendolo addirittura più arretrato di alcune zone dell’Africa Subsahariana. Più nello specifico, la Fornero ha risposto in questi termini alla domanda di una matricola del corso di Economia e commercio: “Lei è un giovane ragazzo, ma avrà sicuramente avuto modo di venire a conoscenza dell’arretratezza di alcune zone del Mezzogiorno. Ci sono dei quartieri napoletani ridotti peggio delle zone del terzo mondo. Gli immigrati africani che si stabiliscono nel capoluogo campano, per quanto paradossale possa sembrare, apportano un significativo miglioramento alla condizione di diffusa arretratezza sociale ed economica di Napoli. Nazioni come la Nigeria o la Costa d’Avorio dovrebbero fungere da modello per zone come Scampia o i quartieri Spagnoli. Penso che Abuja non abbia nulla da invidiare a Napoli neanche per quanto riguarda la cultura. E poi non scordiamoci che i nigeriani sono uno dei popoli attualmente più produttivi nel panorama mondiale. Basti pensare a quanto cresce il loro prodotto interno lordo ogni anno. Altro che la Campania o la Calabria.”
Lo studente universitario, stupito dalla schiettezza della risposta ha provato dunque ad evidenziare il sottosviluppo agrario degli Stati centroafricani, ma Elsa Fornero ha controbattuto in maniera piuttosto seccata: “Le persone cocciute come lei mi fanno innervosire non poco. Lei continua a sostenere l’assurda tesi di un’inferiorità dell’Africa rispetto a Napoli e al resto della Campania? Ma sa almeno quanto i nigeriani versino nelle casse dello Stato in termini contributistici? Sa almeno quanti migranti africani vengono sfruttati dalla criminalità organizzata ed usati come braccianti nei campi di pomodori per pochi spiccioli all’ora? La sua impertinenza mi ha dato la conferma che ho a che fare con un corso di ignoranti, poco inclini al dialogo pertanto il nostro dibattito si conclude qui” Mentre l’ex ministro si accingeva a riporre il microfono sopra la cattedra, un gruppetto di studenti ha cominciato a gridare ingiurie verso la politica e ad aizzare contro di essa gli altri presenti, cosicché in breve tempo si è scatenato nell’Aula Magna un tumulto, causato dalle pesanti parole rivolte dalla Fornero nei confronti dei Napoletani. La politica è stata perciò scortata da due possenti guardie del corpo all’esterno della facoltà, mentre quattro studenti sono stati arrestati dalla polizia, in quanto identificati come facinorosi e socialmente pericolosi. La registrazione integrale della conferenza sarà pubblicata nelle prossime ore su YouTube da parte di un’associazione studentesca partenopea.

Non troverete alcun video “nelle prossime ore su Youtube“, perché quanto è stato riportato non è mai accaduto. In quei giorni l’ex Ministro del Lavoro (da me contattata prima di scrivere l’articolo) si trovava a Siena ospite del Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali, come riporta la locandina pubblicata da Benedetto De Vittoris nel suo profilo Facebook:

L’ ALFABETIZZAZIONE FINANZIARIA COME STRUMENTO DI PROGRESSO INDIVIDUALE E SOCIALE.
Ospite: Prof.ssa. Elsa Maria Fornero
Università degli Studi di Siena
Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali

Venerdì 13 ottobre non si trovava a Torino e non aveva tenuto alcun incontro presso l’Università della stessa città, dove risulta essere docente del Dipartimento di Scienze economico-sociali e matematico-statistiche. Inoltre non vi sono ulteriori riscontri online, al massimo trovate un video del 16 ottobre dove un ragazzo la contesta.

C’è un elemento in più, e fondamentale, per comprendere il contenuto bufalaro del sito: il disclaimer a fine pagina.

“Blog di satira politica. Tema Semplice. Powered by Blogger.”

Il sito si spaccia per un blog di Satira, ma di quest’ultima non ne abbiamo minimamente traccia. Non è satira pubblicare un articolo dal titolo “Incendio a Montecitorio: morti 5 parlamentari” o “Napolitano: “La frutta marocchina è decisamente migliore di quella italiana”” (oltre 7 mila condivisioni, anche dalla pagina “Viva il Fascismo“) o “Stupro di Rimini, Guerlin Butungu shock: “Mi sono pentito…di non averne stuprate altre”” o “Senatore massacrato di botte da due disoccupati” (oltre 70 mila condivisioni) o “Laura Boldrini derubata dopo la visita al campo Rom” (oltre 20 mila condivisioni).

Ciò che abbiamo appena letto nei confronti di Elsa Fornero è pura diffamazione, tale da ottenere reazioni scomposte da numerosi utenti. Ecco i commenti pubblicati nello stesso blog:

Alcuni dei commenti

Cercando qualche condivisione Facebook trovo quella di Chiara, ricco di commenti:

Daniele: Questa vive in un altro pianeta……..vede un mondo tutto suo……..cretina….

Michele: Si, e il macaco del Borneo è più civilizzato di lei.

Daniele: Vai in Nigeria indegna

Luigi: Che schif e femmen

Mario: Faccia di merda

Ferdinando: Che schifo di donna “senza afferma per le donne”

Tonino: Sei putrida

Doriana: Ma anche senza arrivare alle ingiurie… Sono allibita, che cactus si aspettava, l’applauso??? 😅 Davvero una poverina, misera misera.

Purtroppo in molti ci cascano e non mi sorprende vedere tale contenuto all’interno di gruppi come “Club Luigi Di Maio“:

La condivisione sul gruppo grillino

Ecco alcuni commenti:

Angelo: Bastarda sei nata e bastarda morirai e ti auguro di morire tra atroci dolori bastarda

Mariella: Bastarda sono stati bravi ,ti dovevano prendere a pomodori in faccia lurida,parassita

Giuseppe: LA TROIEN!!! MALEDETTA LUGIFERO TI STA ASPETTANDO CON UN FORCONE ROVENTE “TADDA FA ARRECRIAR!”

Deprimente il post sul gruppo “Regno delle Due Sicilie” che inizia con il classico “Non so se è vero, ma se lo è” (della serie “nel dubbio condivido“):

Non so se è vero, ma se lo è… Questa immonda persona si permette di parlare di Napoli e la giudica in modo pessimo. IL SINDACO DE MAGISTRIS E TUTTI QUELLI CHE LO POSSONO FARE, DEVONO DENUNCIARLA. LEI E GLI ALTRI COME LEI, VOGLIONO AFFOSSARE IL SUD CON OGNI MEZZO. SONO DISGUSTATO DI ESSERE COSTRETTO AD ESSERE ITALIANO.

Avevo già trattato una bufala del sito “Devinformarti“, ma quest’ultima risulta veramente pesante.

Il blog esiste da poco, basta vedere che l’autrice “DolceAnna“, che detiene anche il blog “Info5s24h“, è presente su Blogger da luglio 2017:

Il profilo Blogger della proprietaria del sito

 

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.