BUFALA Queste sono le due turiste americane che hanno accusato i due carabinieri a Firenze

Due ragazze americane hanno denunciato due carabinieri per violenza sessuale. La storia in sintesi:

  • due ragazze americane hanno denunciato due carabinieri per aver abusato sessualmente di loro;
  • le due ragazze sono state sottoposte in ospedale all’alcooltest e al narcotest risultando positive;
  • gli esami eseguiti in ospedale confermano che le due ventenni hanno avuto rapporti sessuali;
  • le indagini confermano che i due carabinieri hanno accompagnato le due ragazze nella loro abitazione;
  • le indagini confermano che nell’androne fino all’appartamento delle due ragazze ci sono tracce biologiche compatibili con un rapporto sessuale;
  • uno dei carabinieri coinvolti ha confessato di aver fatto sesso con una delle ragazze americane, sostenendo che fosse consenziente e confermando il rapporto sessuale durante l’orario di servizio.

Una storia che ricorda quella del 2011, lo stupro del Quadraro all’interno della Questura, dove si parlava sempre di sesso consenziente e alcolici. Come spiega Il Giornale, il fatto che le due ragazze fossero ubriache o drogate peggiora la situazione dei due agenti:

Mercoledì notte, dopo il presunto stupro, le ragazze sono state portate all’ospedale di via Torregalli. Qui è stato attivato il codice rosa, il percorso predisposto nei casi di violenze su soggetti deboli, e le giovani sono state sottoposte all’alcooltest e al narcotest. Dal momento che sono risultate positive, qualora fosse confermata la violenza sessuale, la posizione dei militari si aggraverebbe pesantemente perché le ragazze sarebbero state in condizione di minorata difesa.

Non sono mancate ovviamente le bufale, create da chi (ignoto al momento) letteralmente gode delle storie di stupro per o trollare (che schifo) o per dar manforte ad una delle due parti (che schifo). Ecco quella della foto con le presunte ragazze americane (trattata dai colleghi di Butac):

Queste sono le due turiste americane che hanno accusato due dei nostri bravi ragazzi in divisa di un crimine orrendo come lo stupro. Grazie Boldrini!

Questa foto circola online da anni e non c’è alcun riferimento che dimostri la loro identità. Ecco la foto originale dove in fondo a destra leggiamo “@2009 LastNightsParty.com“:

Foto pubblicata dal sito Lastnightsparty.com

Ecco un’altra foto con le stesse ragazze, pubblicate sempre nel 2009 anche dal sito Nevsedoma.com.ua che a sua volta le aveva prelevate da Lastnightsparty.com coprendone il watermark:

Un’altra foto da un sito ucraino

La Boldrini nella bufala? Certo, non poteva mancare neanche lei nella mente dei “commentatori da bar” che riportano addirittura teorie di complotto del tipo “sono state pagate dalla Boldrini“. Ecco uno dei commenti recuperati da Giornalettismo:

Ma io andrei un po più a fondo che siano pagate dalla boldrini non direttamente questo lo dovranno scoprire gli investigatori e se poi sono stati loro pagheranno

Non basta uno bravo, ci vuole il migliore per chi crea certe bufale.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall’età di 7 anni. Laureato presso l’Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.

REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.