BUFALA Carcere fino a tre anni per chi tradisce il partner. Finalmente è LEGGE.

Un brevissimo smart debunking sull’articolo del 27 gennaio 2017 del sito bufalaro “Il Fatto QuotiDAINO.it” dal titolo “Carcere fino a tre anni per chi tradisce il partner. Finalmente è LEGGE“:

Giunge in serata la legge che prevede il carcere fino a tre anni per chi tradisce il partner. La direttiva giudiziaria fa parte del piano “Familyfake” che vuole tutelare, in chiave assoluta, la famiglia e tutte le sue prerogative e componenti: “Ci è sembrato adeguato sanzionare severamente chi scioglie il vincolo matrimoniale, dopo averlo contratto. Insomma, non si può mettere a rischio la vita della famiglia e la buona salute dei suoi componenti solo per un vizio di forma. Giusto che ognuno si assuma le proprie responsabilità, anche perché, come accade in tutti i campi, chi sbaglia paga, e soprattutto nella questione familiare questa regola deve essere applicata alla giusta maniera“. Dure parole quelle del portavoce del familyfake che colpiscono i mariti e le mogli fedifraghi. In molti si son lamentati della legge, legge che però ha accontentato molti altri, anche perché, dice il filosofo della famiglia Mariano Inthecildri, è giusto tutelare e proteggere i più piccoli che soffrono spesso dei tradimenti.

Quindi sarà meglio per tutti correre ai ripari per non rischiare di rimanere, come dire, fregati da questa nuova legge che entrerà in vigore dal prossimo maggio e che inciderà sulle particolari situazioni che si presentano alle famiglie nelle più disparate situazioni. E voi come avete preso il provvedimento che sanziona così duramente il tradimento? Siete d’accordo o meno? Fatecelo sapere nei commenti, sta per iniziare una nuova era e probabilmente non sarà facile per tutti adeguarsi alla nuova legge.

Ecco i punti:

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016.