Le vignette di Charlie Hebdo e la strage di Nizza

MIA17 Nomination
Quest'anno risulto tra i candidati al premio Macchianera 2018. Per votare dovete lasciare la vostra preferenza ad almeno 10 categorie.

Nell’evento Facebook che avevo creato e tra i commenti in pagina ho letto un po’ di tutto, ma anche nei commenti in pagina mi è capitato di percepire una mancanza di informazione dovuta al fatto che non viviamo in Francia e non siamo aggiornati su tutto ciò che viene pubblicato in merito ad un fatto in particolare (considerate che non tutti sono abbonati a Charlie Hebdo, per fortuna avevo fatto un abbonamento per verificare la vignetta sul terremoto italiano).

NOTA IMPORTANTE: visto il continuo accanimento dei soliti incapaci a leggere (e che leggono cose mai scritte, ma formulate dai loro cervelli carichi di odio ed estremismo ideologico), informo che questo articolo è solo ed esclusivamente di carattere informativo e non mira in alcun modo a giustificare il metodo Charlie Hebdo

Antonio interviene così in seguito al tweet di Luttazzi:

antonio-charlie

Verissimo, lui è libero di fare ciò che vuole….però se c’è tutta questa libertà perché non si è espresso o ha pubblicato qualcosa di simile in merito agli attentati in Francia?
Anche in quelle tristi circostanze la macchina stato non ha funzionato e i morti sono uguali da pertutto.
Questo “vignettista” pare cercare la libertà di esprimere il suo essere fuori dai confini di casa sua. C’è la censura in Francia?
O forse sapeva fin dall’inizio che quella non è satira ma spazzatura per attirare un po’ di attenzione su di sé.
Non si possono esprimere giudizi di fronte agli insulti pesanti.
Dovrebbe solo vergognarsi e chiedere scusa.

Scrive Gabriele:

gabriele-charlie

Io mi chiedo se hanno fatto vignette con i loro colleghi ammazzati dopo l’attentato.
Non hanno fatto “satira” su se stessi, ancora ?

Per favore. Quella sarebbe semplicemente COERENZA.
Ovvero che a parità di disastri, si hanno pari reazioni.
La loro è ipocrisia.

Clara pone un quesito interessante sulla vignetta di Beppe Mora sulla strage di Nizza:

CLARA-CHARLIE

I francesi apprezzerebbero questo? ( immagine reperita dal web)

Veniamo ora a cosa ha pubblicato Charlie Hebdo in seguito alla strage di Nizza del 14 luglio 2016. Ecco la seconda pagina del numero 1252:

La seconda pagina del numero 1252
La seconda pagina del numero 1252

Ecco alcune vignette riportate nella pagina:

charlie-1252-1
La vignetta centrale

charlie-1252-5 charlie-1252-4 charlie-1252-3 charlie-1252-2

Nell’ultima pagina troviamo le copertine alternative, ma l’attenzione cade su quella in basso a sinistra:

Ultima pagina con le copertine alternative
Ultima pagina con le copertine alternative

Eccola nel dettaglio:

La copertina alternativa
La copertina alternativa

La vignettista “Coco” è quella che senz’altro ha disegnato qualcosa di simile a Beppe Mora, riportata da Clara nel suo commento, pubblicando il tutto nel suo account Twitter il 15 luglio:

L'opera della vignettista di Charlie Hebdo "Coco" sulla strage di Nizza
L’opera della vignettista di Charlie Hebdo “Coco” sulla strage di Nizza

La vignetta di “Coco” venne criticata anche in Francia, come possiamo vedere nell’articolo dell’Huffingtonpost francese dal titolo “Le dessin grinçant de Coco de Charlie Hebdo en hommage aux victimes de l’attentat de Nice“.

Ai lettori il giudizio sulle vignette.

AGGIORNAMENTO 4 settembre ore 20:55

Noto che qualche utente, non contento di aver ricevuto risposta in merito alle vignette sui fatti di Nizza (“lo fanno solo con gli italiani, ma con le stragi francesi stanno zitti…coerenza del ca**o!!1!!“) hanno spostato il bersaglio della critica verso la strage presso la sede del settimanale satirico. Riporto una vignetta tra quelle pubblicate da Charlie Hebdo nel primo numero successivo ai fatti:

Vignetta pubblicata nell'ultima pagina, quella delle copertine alternativa, del numero 1178
Vignetta pubblicata nell’ultima pagina, quella delle copertine alternativa, del numero 1178

Altre le trovate qui.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.