Il video della presunta carne artificiale prodotta in Cina: sono elastici

Dal 23 gennaio 2018 il mio blog non ha più banner pubblicitari e viene sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Mi segnalano una curiosa condivisione di un video che si presume provenga dalla Cina e che riporti una presunta produzione di carne artificiale:

CARNE ARTIFICIALE DALLA CINA.

 

Non stanno producendo carne artificiale

In una continua e quasi infinita fobia di cibi artificiali di origine cinese, risulta facile diffondere certi video insinuando i soliti luoghi comuni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il macchinario usato è simile a quello che vediamo nelle fabbriche di produzione di elastici. Esatto, elastici:

Screenshot di un video dove viene mostrato un macchinario simile usato per la produzione di elastici.

Nel video pubblicato da Insider vediamo qualcosa che però sembra una grande impastatrice intenta a lavorare qualche prodotto composto da farine e chissà cos’altro ancora, ma in realtà è l’impasto per l’elastico come lo conosciamo:

L’impasto nel video di Insider

Come mai nel video della presunta carne artificiale il colore è chiaramente diverso e trae in inganno, ma del resto dovete ricordare che gli elastici non sono tutti dello stesso colore. In un altro video, pubblicato in un canale Youtube giapponese, troviamo un processo simile a quello dove si presume la fantomatica storiella della carne artificiale:

Un altro video dove si mostra la lavorazione degli elastici di altro colore.

Ecco il video completo del canale Youtube giapponese, trovate il pezzo che vi interessa al minuto 6:18 circa:

 

Le origini della diffusione

La fonte di Davide è il post di un al “Timur Saralayev” (nome scritto in cirillico “Тимур Саралаев“), pubblicato il 22 ottobre 2018 ottenendo oltre 94 mila condivisioni. La traduzione automatica del suo post è appunto “Carne artificiale dalla Cina” e sostiene che il video gli sia giunto tramite Whatsapp:

Il post diventato virale

Il video era stato realmente diffuso in Cina, come possiamo vedere dal post Facebook di “Kean Huat Tan” pubblicato il 20 ottobre 2018 che nel frattempo ha superato le 400 mila condivisioni, per non parlare delle visualizzazioni che vanno oltre i 17 milioni.

Fake beef made in China. 👇😨

Ad occuparsene in oriente sono stati i colleghi del sito Factcheck.kg.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.