Kyenge shock? Come diffondere un video bufala senza il video

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 4 agosto l’utente Rita (@Marghe_rita63) condivide su Twitter il seguente contenuto:

Non so se sia una bufala ma se fosse vero, io chiedo a tutti gli italiani di ribellarsi e mandarla a fare in culo, x noi italiani non rappresenta nulla.

Nello screenshot che vedete qui sopra ci sarebbe un video, ma non c’è. Rita non fa altro che condividere lo screenshot di un video diffuso online dove vengono riportate delle presunte dichiarazioni dell’eurodeputata Cecile Kyenge:

Kyenge Shock: “Bisogna tornare a governare!” Via i fascisti e razzisti! “Chiedo a tutti gli immigrati di ribellarsi al governo!”

 

Le presunte dichiarazioni della Kyenge

Non è la prima volta che vengono diffuse storie simili, anche i colleghi di Butac se ne erano occupati. Fatevi una semplice domanda: Matteo Salvini ha sfruttato la dichiarazione dell’eurodeputata? Ebbene, no. Sarebbe stata un’occasione eccezionale per il Ministro dell’Interno.

Non vi è alcun riscontro di tale frase “Chiedo a tutti gli immigrati di ribellarsi al governo!“.

Il video presente nello screenshot, inoltre, è quello pubblicato il 14 dicembre 2017 nella pagina Facebook dell’eurodeputata dove leggiamo la seguente descrizione:

Mettere al bando il nazi-fascismo, condannare la sua apologia, relegare ai musei e alla Storia i suoi simboli, non è negare una libertà altrui, ma garantire quella di tutti noi. Qui il mio intervento al Parlamento Europeo durante la discussione sul divieto nell’Unione Europea di simboli e slogan nazisti e fascisti.”

Da nessuna parte del video vengono riportate le dichiarazioni contestate alla Kyenge.

Il confronto tra lo screenhot e il video originale

 

Il vecchio screenshot

Rita condivide lo screenshot il 4 agosto, ma questo circolava il 21 giugno attraverso un altro utente Twitter:

LA KYENGE SEMINA ODIO E INCITA LE RISORSE A RIBELLARSI CONTRO IL GOVERNO #LEGA #M5S

Riscontro lo screenshot nella pagina Facebook “Voto subito mandiamoli a casa” in un post del 2 giugno 2018:

LA KYENGE PERDE LE STAFFE! E INCITA ALLA RIVOLTA! ORA È LEI A SEMINARE ODIO! VERGOGNOSO!

 

“Non so se è una bufala” e le reazioni

Rita, dunque, scrive “Non so se sia una bufala” per poi dire “ma se fosse vero” invitando gli italiani a “mandarla a fare in culo“. Le reazioni degli utenti, che come lei non hanno verificato, è evidente:

Andrea: “A bastonate va presa dta scimmia

Alessandro Grappini: “TARZAN NON SI È ACCORTO ANCORA DI AVERLA PERSA.”

Daniele Dalla Morte: “Rappresenta solo lei stessa e l’Africa nera sta merda di essere..,!fuori dai coglioni immediatamente

Gianni Nobis: “✋cara rita…io è da mo’ che lo mandata affanculo….. sta scimmia

Adurno Giuseppe: “Come Tutti i Sinistri lei rappresenta SOROS ! Globalisti Delinquenti Pagati Scortati x Distruggerci… Si prima che sia Troppo Tardi èORA che gl’italiani Veri Ritrovino palle e Dignità ! Pulire l’Italia dalla Global Feccia !!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continuare a diffondere contenuti sul concetto del “non so se è una bufala, ma” o del “nel dubbio condivido” non si contribuire al sano sviluppo del tessuto sociale. Anzi, si rischia di alimentare questo problema a cui assistiamo anche nella pagina Facebook che aveva condiviso lo screenshot:

Maria: “Buttatela a mare !!!!

Lino: “Al rogo

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.