Israeliani lasciano droghe per i bambini palestinesi al Masjid Al Aqsa? Erano semplici caramelle

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Mi segnalano un post della pagina Facebook “DOAM – Documenting Oppression Against Muslims” dove si sostiene che siano stati scovati degli israeliani in possesso di droghe sotto forma di caramelle colorate per darle ai bambini palestinesi:

At least 55 Israeli settlers invaded #MasjidAlAqsa this morning under the protection of Israeli forces.

This is what they left behind; a bag full of colourful drugs so that they would attract Palestinian children!

#HandsOffAlAqsa #Palestine #Jerusalem

Ecco le foto:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo stesso giorno il sito Wattan24.com pubblica una smentita da parte del Ministero di Awqaf e degli Affari Islamici. Non si conosce l’autore originale del messaggio diventato virale, ma in seguito alle verifiche sul campo si è scoperto che erano normali caramelle. Ulteriore sostegno arriva dal sito Ahdath24.com che riporta il medesimo comunicato, spiegando che il proprietario delle caramelle è un musulmano che le distribuiva ai fedeli dopo le preghiere presso la moschea Masjid Al Aqsa.

Sul Wattan.tv è presente anche un documento accompagnato alla smentita:

Il documento allegato alle smentite

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.