Mario condannato per aver sparato a un rumeno e il ritorno del Todaro

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 26 marzo la pagina Facebook “Gazzetta della Sera” pubblica un post con il seguente meme ottenendo oltre 140 mila condivisioni:

Lui è Mario. Oggi il tribunale di Firenze lo ha condannato a 6 anni di reclusione perché ha sparato a un rumeno che tentava di sottragli la sua pensione di 300 euro. Condividi se sei indignato.

Il meme non è nuovo, circolava già nel 2016 e se ne erano occupati i colleghi di Butac. L’uomo nella foto si chiama Mario, ma il Mario Vanni noto per essere stato il compagno di merende di Pietro Pacciani. L’accusa? Di certo non per aver sparato a un rumeno, visto che si parla del caso “Mostro di Firenze“.

Cosa c’è di curioso in questa storia vecchia e riproposta? I tag nel meme a Vincenzo Todaro, il titolare della “Piovra delle Panzan Catena Umana” di cui mi ero occupato insieme a Le Iene l’anno scorso per un caso molto delicato. La pagina Facebook “Gazzetta della Sera” che l’ha pubblicato non è quella legata strettamente al sito Gazzettadellasera.com e rispetto a quella ufficiale ha 13 mila fan contro oltre 140 mila. Infatti, il sito collegato alla pagina è Gazzettadellasera.it registrato a nome di:

Domain: gazzettadellasera.it
Status: ok
Created: 2018-04-05 10:04:36
Last Update: 2018-04-05 10:04:37
Expire Date: 2019-04-05

Registrant
Organization: Vincenzo Todaro

Dominio registrato nel 2018, a quanto pare si sta dando da fare per tornare con una nuova “Piovra“.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.