Lui non è l’attentatore tedesco di Münster

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il terrorismo non si ferma a Münster, ma passa anche tramite i social ai danni di una persona innocente. Circola la foto del presunto attentatore, ma la motivazione è tutt’altra rispetto alla presunta “informazione“:

Ill tedesco di razza ariana cha ha ucciso, in Germania, osservateil colore dei capelli buondi occhi azzurri. E carnagione chiara

Ebbene si, la questione sarebbe l’aspetto fisico lontano da quello che secondo queste persone dovrebbe essere un tedesco, biondo come Hitler. Il dubbio sulla sua “tedescaggine” è contagioso:

L Attentatore è’ un cittadino Tedesco con problemi psichici 🔸 Ha tutte le caratteristiche..compresi i problemi muslim! Non se ne può più’ di menzogneri Forti della Nostra Viltà.

A parte ricordare che l’attentatore si è suicidato, immaginate quanti vedendolo per strada potrebbero pensare che in verità non è morto e che sia tutta una “false flag“. Certi sciacalli ci sguazzerebbero senza ritegno, ormai li conosciamo, ma il problema per questa persona rimane e continua a diffondersi.

L’immagine condivisa riguarda uno scatto fotografico ad un televisore dove viene mostrato un ragazzo dai capelli scuri, carnagione olivastra (dobbiamo considerare anche la qualità della foto e i colori trasmessi dal televisore stesso, tenendo conto anche l’angolazione del cellulare usato per scattare il fotogramma) e con la barba corta. I colleghi di Mimikama.at (con due articoli) hanno contattato il canale televisivo austriaco Oe24 dove era stata trasmessa l’immagine per verificarne i contenuti, ottenendo una chiara ed evidente risposta: quello nella foto non è l’attentatore di Münster.

Werter Herr Wolf,

bezüglich Ihrer Anfrage kann ich Ihnen mitteilen, dass es sich bei der Person im Bild um Daria E. handelt. Er ist ein Wahl-Wiener, der in Münster aufgewachsen ist und uns via Telefonschaltung als Ortskundiger die Innenstadt von Münster beschrieben hat. Wir haben ihn auch mit dem Namensinsert „Daria E., Ortskundiger“ gekennzeichnet, das allerdings nicht das gesamte Telefonat über eingeblendet war.

Beste Grüße

In pratica, l’uomo nel video è un tal Daria e veniva intervistato telefonicamente dal canale televisivo austriaco come “esperto” in quanto originario di Münster. Nulla di più, ma è bastato quello scatto per farlo diventare il mostro!

Ad aiutare nella diffusione della foto sono stati diversi utenti, uno in particolare un tale Franck ottenendo oltre 12 mila condivisioni al suo post poi condiviso da una pagina Facebook chiamata “Russia Friends“, sempre l’otto aprile 2018:

Franck Haase: “Hier ein Foto vom psychisch gestörten “deutschen” Jens, der für das Attentat in Münster verantwortlich ist. Was fällt euch dabei auf???

Russia Friends: “German media say this is a native German, blond hair, leu eyes, extreme-right party member who pushed the van into the croud in Munster, Germany.
Looks like German media are daltonic

Ricordiamo un caso italiano simile, quello di Alfredo Mascheroni. Basta poco per rovinare la vita ad una persona. Fermatevi finché siete in tempo!

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.