BUFALA WHATSAPP Un altro falso parente della Boldrini: il nipote Luca che prende 8 mila euro al mese

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Sta circolando via Whatsapp un meme con la foto di un giovane ragazzo seguito dalle seguenti frasi:

Questo è Luca Boldrini ed è il figlio del fratello della presidente della camera Laura Boldrini. Pur avendo solo il diploma, è stato assunto nella segreteria dell’ufficio verifiche atti di palazzo Chigi e guadagna a solo 22 anni 8 mila euro al mese!!! E nessun telegiornale ne parla…. VERGOGNA!!! GENTE COME VOI VIA DALLA NOSTRA ITALIA! CONDIVIDI SE SEI INDIGNATO

Non esiste alcun nipote di Laura Boldrini di nome Luca e non risulta alcun ragazzo di 22 anni al libro paga di Palazzo Chigi con stipendi da 8 mila euro al mese. Si tratta dei soliti meme che fanno credere agli utenti chissà quale parentopoli bastata sul falso.

Tempo fa ne aveva condivisa una il Capogruppo al Senato della Lega Nord Gian Marco Centinaio, in quell’occasione fu un suo amico quello rappresentato nella foto e dovreste tutti ricordarvi le reazioni degli utenti (qualcuno gli augurava la morte):

Alcuni dei commenti rivolti ad Andrea

Chi sia il ragazzo nella foto non ci è dato al momento saperlo, sappia che finire in quel meme può creargli problemi. Se c’è qualche mitomane che vuole “divertirsi” a farsi passare per parente della Presidente della Camera sa a cosa va in contro (una miriade di utenti furiosi e violenti, attenzione che il pazzo di turno si nasconde da qualche parte).

Il simpatico articolo anonimo – 13 gennaio 2018

Attraverso il sito Justpaste.it un utente in maniera anonima ha pensato di scrivere un articolo dal titolo “Come si creano fake news sulle fake news. L’autore anonimo attraverso il suo testo che in qualche farebbe intendere a qualche utente che in qualche modo la bufala sia partita dal sottoscritto basandosi sul fatto che non avrei pubblicato uno screenshot da Whatsapp.

Bene, ecco la segnalazione ricevuta lunedì 8 gennaio alle ore 16:09, molto prima della pubblicazione del mio articolo (ore 17:19).

Lo screen della prima segnalazione che ho ricevuto

Prima di scrivere l’articolo e per controllare se effettivamente stava circolando ho chiesto a qualche collega se era arrivata qualche segnalazione a riguardo, ricevendo conferma anche da loro:

Uno dei colleghi interpellati mi informava che erano già arrivate delle segnalazioni della bufala

Ad aver diffuso l’immagine sono stati gli amici del ragazzo, come riporta Giornalettismo:

«LUCA BOLDRINI», GENESI DI UNA BUFALA NATA PER SCHERZO

La bufala nasce per scherzo. Alcuni conoscenti del ragazzo di Rieti hanno pensato di divertirsi con questa «bravata 2.0» che, in poco tempo, ha avuto decine e decine di condivisioni. Hanno recuperato una foto del profilo del loro amico e hanno immediatamente aggiunto il messaggio fake: «Questo è Luca Boldrini, il figlio del fratello di della presidente della Camera Laura Boldrini. Pur avendo solo il diploma, è stato assunto nella segreteria dell’ufficio verifiche atti di palazzo Chigi e guadagna a solo 22 anni 8mila euro al mese!!! E nessun telegiornale nel parla…VERGOGNA!!!»

Era uno “scherzo“, così diceva, quella diffusa da un senatore della Lega. Nel testo pubblicato in forma anonima l’autore si domanda perché abbia scritto “bufala pericolosa“, dimostrando che non ha affatto letto l’articolo (neanche visto le immagini). L’ignoranza scorre potente in lui.

Nel caso, esistono casi di “Antibufala preventiva” ed era fatta ad esempio da Paolo Attivissimo.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.