R0gue_0 e il database di Rousseau: Matteo Renzi ha donato 1 milione di euro al M5S? Ma anche no!

R0gue_0 ha pubblicato alle 13:33 un tweet con una nuova tabella:

Il tweet di sabato 5 agosto alle 13:33

Sembra essere la continuazione di quella delle donazioni (l’ultimo ID nella prima lista era 84, quello nuovo è 85). Come nell’altra ci sono indirizzi IP, email personali, importi delle donazioni, il metodo di pagamento e la relativa conferma.

Curioso il dato relativo all’ID 520 dove sarebbe presente un “Matteo Renzi“, con email “matteorenzi@governo.it“, per un importo totale di “1000000.00” (1 milione di euro) tramite bonifico bancario datato “2016-05-02 01:44:07“.

Matteo Renzi dona un milione di euro a Rousseau?

Si potrebbe trattare di un test o uno scherzo di qualche utente di Rousseay, anche perché è una somma enorme. Come potete vedere, ogni donazione ha un suo “metodo di pagamento” (colonna della tabella “donazioni_tipologia“) e una conferma (colonna della tabella “donazioni_confirmed“). Nel caso di “Matteo Renzi” non c’è alcuna conferma dell’avvenuto bonifico:

Se confermata una donazione l’ultima colonna presenterebbe un “1” e non un “<blank>”

L’alternativa è la colonna “donazioni_valido “, ma stanno tutti a “0” (zero) il che farebbe pensare che tutte le donazioni presenti non sono confermate.

C’è da dire, inoltre, che l’email a dominio Governo.it di Matteo Renzi non era quella riportata nel database, bensì “matteo@governo.it” (quella dell’attuale Presidente del Consiglio è “gentiloni@governo.it“):

Nel sito del Governo l’email è un’altra

Attraverso il form per le segnalazioni delle donazioni (nel caso dei bonifici) è probabile che si possano inserire nomi e cognomi diversi da quelli usati per l’iscrizione alla piattaforma:

Il form per segnalare un bonifico a Rousseau

Capite che potrei anche inserire “Babbo Natale” come donatore, ma anche inventando un nome a casaccio o inserendo quello del mio vicino di casa loro sarebbero tenuti a verificare se tale bonifico è stato effettivamente ricevuto sul conto corrente dell’Associazione.

Tuttavia, R0gue_0 ha citato la presenza di Matteo Renzi nel DB con un tweet:

Aye, there’s an entry from #MatteoRenzi inside that table.If you can dump the db you can view it’s inside, not a mod. we call it INSERT INTO

Nelle discussioni via Twitter c’è chi sostiene che abbia inserito lui il dato modificando un campo esistente. Ci potrebbe essere un’altra teoria, e rimane tale finché non risponde alle domande che gli vengono poste: potrebbe aver inserito lui tale dato in quel giorno (c’è una data e un orario preciso) attraverso un “INSERT INTO” nel database.

A proposito del database, R0gue_0 lo avrebbe messo in vendita per 0,3 BTC:

now for greedy big discount & Lower price at #Rousseau Market! The whole users database at the low price of 0,3 BTC ->PM me 😉 #Hack5Stelle

Curioso anche questo suo tweet rivolto a La Stampa:

Pensare che ha affidato #Rousseau a me già da un pezzo, ma nessuno dice niente 🙂 #Hack5Stelle #YourDemocracyHasBeenHacked

Il senso non è chiaro: ha collaborato presso la Casaleggio o è semplicemente ironico?

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall’età di 7 anni. Laureato presso l’Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.

REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.