FAKE NEWS I bambini siriani e il falso traffico di organi raccontato da un musicista turco

Dal 23 gennaio 2018 il mio blog non ha più banner pubblicitari e viene sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

L’undici maggio 2017 un musicista turco di nome Deniz Kaya pubblica una serie di foto sul suo profilo Facebook per dimostrare un presunto traffico di organi ad opera di una presunta organizzazione criminale siriana. Gli organi sarebbero prelevati, secondo il musicista, da bambini rapiti e strappati dalle loro famiglie:

İNSANLIK İÇİN PAYLAŞ!!!!!!!
BEN İNSANIM DİYORSAN DESTEK OLALIM..
Organ mafyası Suriye’de çocukları parçalarken biz burada neden Suriyeli var diye mırıldanarak göbeğimizi kasıyoruz 😠 ya KAHHAR 😢

Il post è stato condiviso anche da qualche utente italiano:

La condivisione di Giovanni

Oltre 16 mila condivisioni per un post contenente un’informazione falsa. A dimostrarlo è la stessa bambina presente nelle foto (o nel video dove piange disperata) che compare in un comunicato video del 15 maggio 2017 della Syria Charity:

This little girl has not been “eviscerated” in anyway for “organ trafficking”. Share in mass to restore the truth!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le immagini, inoltre, risalgono al 2015 e riguarderebbero un centro medico in cui gli operatori sanitari erano occupati a soccorrere le vittime di un bombardamento aereo in Siria:

Ecco il video di Syria Charity:

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.