BUFALA Avellino. Ecco la prima vittima accertata del terribile gioco russo “Blue Whale”

La prima vittima italiana del “Blue Whale” sarebbe un 18enne avellinese di nome Leonardo Deruta? A dirlo è un sito chiamato “Stampa d’Italia“.


Valutazione

BUFALA (di pessimo gusto)


Analisi

Non c’è tanto da dire, riporto la parte iniziale della buffonata:

Anche in Italia sbarca il terribile gioco Blue Whale. Il primo a farne le spese è stato il giovane 18enne avellinese Leonardo Deruta, un ragazzo come tanti e con le più diverse passioni. “Animo ribelle e punk il suo”, così ce lo racconta il fratello, Alvaro, “capace di gesti di grande commozione e di grande bontà” Leonardo, dice il fratello, “non avrebbe fatto male ad una mosca”.

Il ragazzo è in realtà “Ermes Maiolica” e il presunto fratello è “Alvaro Porfido“, noto per i siti “Il Fatto QuotiDAINO” e altri ancora. La grafica del sito è identica.

Ecco le altre foto di Ermes (molto “giovanile”) presenti nell’articolo:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una bufala di pessimo gusto su un tema così orrendo.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016.