Le “pornoavventure russe” di Donald Trump sono una bufala di Buzzfeed? Manca qualcosa!

Dopo le passate polemiche, parte il tentativo di vendetta da parte di Beppe Grillo e del Movimento 5 Stelle contro Buzzfeed, come possiamo vedere da questo tweet:

grillo-trump-buzzfeed

Le “pornoavventure russe” di @realDonaldTrump: una colossale bufala di @BuzzFeed http://www.beppegrillo.it/2017/01/le_pornoavventu.html

Dal suo account Twitter, Beppe Grillo fa intendere ai lettori che la “bufala” sia opera di Buzzfeed, peccato non sia andata così. Ecco quanto riportato dal Blog Delle Stelle nel comunicato “Le ”pornoavventure russe” di Donald Trump: una colossale bufala di Buzzfeed“:

Una figuraccia ancora peggiore tocca oggi proprio a Buzzfeed, che ha pubblicato con squillare di fanfare quella che doveva essere la “pistola fumante” a dimostrazione che Trump è succube del Cremlino. Un documento attribuito a fonti dei servizi, che racconta con dettagli da video porno i rapporti sessuali estremi tra Trump e alcune prostitute, filmati (sempre secondo il documento) dagli agenti segreti di Mosca che ora ricatterebbero Trump tenendolo in pugno.

Una storia avvincente, che sembra quasi un racconto… anzi: che è proprio un racconto, scritto nel novembre scorso da alcuni utenti della celeberrima board americana “4chan” e poi inviato a politici americani, finito nelle mani dell’intelligence, e infine in quelle di Buzzfeed. Una “trollata” da manuale, eppure ci hanno creduto tutti: i servizi che dovrebbero proteggere il Paese e i giornali che, come tanto sbandierano, dovrebbero riportare notizie verificate.

Persino Wikileaks si era subito accorta che il documento era “chiaramente falso”, dimostrando che chi è abituato a verifiche serie sa riconoscere le bufale. Qui euronews ricostruisce la storia.

A pubblicare per primi l’argomento tanto criticato sono stati i giornalisti della CNN, mentre successivamente Buzzfeed si è posto nella condizione di fornire pubblicamente l’intero documento specificando che si tratta di contenuti non verificati e con evidenti errori. Perché il comunicato del M5S non riporta questa informazione evitando di citare la CNN?

Ecco l’articolo di Buzzfeed contestato dal Blog delle Stelle, dal titolo “These Reports Allege Trump Has Deep Ties To Russia“:

buzzfeed-trump-russia

A dossier, compiled by a person who has claimed to be a former British intelligence official, alleges Russia has compromising information on Trump. The allegations are unverified, and the report contains errors.

[…]

The dossier, which is a collection of memos written over a period of months, includes specific, unverified, and potentially unverifiable allegations of contact between Trump aides and Russian operatives, and graphic claims of sexual acts documented by the Russians. BuzzFeed News reporters in the US and Europe have been investigating various alleged facts in the dossier but have not verified or falsified them. CNN reported Tuesday that a two-page synopsis of the report was given to President Obama and Trump.

Now BuzzFeed News is publishing the full document so that Americans can make up their own minds about allegations about the president-elect that have circulated at the highest levels of the US government.

The document was prepared for political opponents of Trump by a person who is understood to be a former British intelligence agent. It is not just unconfirmed: It includes some clear errors. The report misspells the name of one company, “Alpha Group,” throughout. It is Alfa Group. The report says the settlement of Barvikha, outside Moscow, is “reserved for the residences of the top leadership and their close associates.” It is not reserved for anyone, and it is also populated by the very wealthy.

Con la pubblicazione da parte di Buzzfeed del documento integrale possiamo tutti controllare e cercare di verificarne il contenuto, cosa che prima era impossibile a chiunque e dopo che nell’articolo stesso lo ritengono “non verificato” e “contenente errori”. Nel comunicato del M5S vengono linkati anche gli articoli del Guardian e di Euronews, ma nessuno dei due sostiene che sia “una bufala colossale di Buzzfeed“:

The Guardian

The material, which has been seen by the Guardian, is a series of reports on Trump’s relationship with Moscow. They were drawn up by a former western counter-intelligence official, now working as a private consultant. BuzzFeed on Tuesday published the documents, which it said were “unverified and potentially unverifiable”.

Euronews

BuzzFeed News has today published the 35-page dossier on its website, even while admitting the information was unverified.

Curioso il fatto che nel comunicato del M5S si invita a leggere proprio l’articolo di Euronews dove si ricostruisce l’intera storia spiegando le motivazioni della pubblicazione del documento. Chi ha letto questi articoli citati dal Blog delle Stelle avrebbe ben compreso che le critiche mosse dalle testate internazionali contro Buzzfeed sono altre e non di aver sostenuto una bufala.

La domanda è: quanti grillini saranno andati a leggere l’articolo di Buzzfeed?

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.