Bufala di ritorno: sta ricominciando a circolare la bufala dell’ebola a Pisa

MIA17 Nomination
Quest'anno risulto tra i candidati al premio Macchianera 2018. Per votare dovete lasciare la vostra preferenza ad almeno 10 categorie.

Le polemiche diffuse a livello politico sul tema immigrazione e malattie sta rischiando di riattivare la diffusione di vecchie bufale. In questo caso si tratta di quella dei casi di Ebola a Pisa del 2014:

La condivisione di Laura

Come vediamo nello screenshot qui sopra, Laura condivide il 16 settembre 2018 un testo pubblicato il 13 aprile 2014 dal sito amatoriale “Integriamoli.altervista.org” dal titolo “Ebola a Pisa? Clandestini giunti a Pisa sono off limits in un reparto dell’ospedale San Rossore per una presunta “febbre”“.

La condivisione di Gianfranco del 15 settembre 218

La bufala, trattata in un articolo di Butac, creò non pochi disagi:

PISA — Sono state una decina le cancellazioni decise da altrettante scolaresche toscane, dopo l’allarme lanciato da un blog secondo cui alcuni dei migranti ospitati presso una struttura della tenuta sarebbero portatori di ebola. La notizia era stata smentita con forza dal direttore del parco Andrea Gennai, ma le gite sono state comunque annullate. Gennai ha spiegato che la falsa notizia è nata da qualche linea di febbre e dalle condizioni fisiche debilitate di alcuni dei migranti arrivati nella struttura. Notizie trasformate, ha detto Gennai, “in un allarme generalizzato e assolutamente ingiustificato sulla presenza e sul rischio di diffusione di un presunta epidemia di ebola sul territorio italiano”. Per il direttore, che ha fatto sapere che in nessun modo questo influirà sulla sua volontà di ospitare i migranti, si tratta di “ignoranza, pregiudizio e razzismo”. Nel blog era stato scritto inoltre che i profughi si trovavano nella struttura per affrontare un periodo di quarantena perché potenzialmente portatori del virus. “Un’affermazione prima di riscontri o argomenti razionali”, ha commentato il direttore Gennai.

Ricordo che una persona venne denunciata e individuata per aver diffuso una notizia falsa simile e dopo aver creato danni al turismo di Lampedusa.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.