La foto dell’uomo che allatta una bambina e la presunta propaganda omosessuale

Dal 23 gennaio 2018 il mio blog non ha più banner pubblicitari e viene sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Da un po’ di giorni circolano diversi post Facebook che contestano le foto di un uomo intento ad allattare una neonata attraverso un curioso sistema che andrò a descrivere tra poco:

Ma FB non fa niente per questi post. Adesso basta, siete malati. I bambini sono innocenti. U bambini non si sfruttano per propaganda. Ma che esseri siete?

I commenti al post sopra riportato sono abbastanza evidenti:

Giovanni: “Ma che cazzo e sto schifo ma stiamo scherzando …. fB Celano anche i ragazzi e una cosa inguardabile 😠

Giuliano: “C’È gente che becca diffide x molto meno.

Nikito: “Che schifo!

Bruno: “Che schifo siete pazzi VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA SCHIFOSI

 

L’uomo nella foto è un omosessuale?

L’uomo nella foto si chiama “Maxamillian Kendall Neubauer“, americano del Wisconsin, e il momento immortalato dalle fotografie non ha nulla a che fare con presunti atti di propaganda a favore degli omosessuali che vogliono avere figli. È stato lo stesso Maxamillian a pubblicare le foto il 26 giugno 2018:

Due to complications during Aprils emergency c-section. This super rad nurse made a epically killer offer, and I was fortunate enough to slap on a suction cup fake nipple. Being the first to breast feed da baby!!!! “I did it for the moms” Eat your heart out!! ☺💕😘🤗

#ididitforthemoms #breastfeeding #breast #mrmom #dadlife #fakenipple #babygirl #emergencycsection #steppingup #steppingupmygame #breastfeed #breastfedbaby #breastfeedingmama #whosyourdaddy #doorcounty #doorcountymedicalcenter #eatyourheartout #latinabeauty @ Door County Medical Center

Nella seguente foto, pubblicata il 4 luglio 2018, potete osservare sua moglie April Neubauer mentre allatta la piccola creatura di nome Rosalia:

Il profilo di Maxamillian dove vediamo le foto della moglie April

 

Perché allatta lui invece della moglie?

Rileggete bene il post Facebook del 26 giugno dove Maxamillian pubblica le foto dell’allattamento artificiale:

Due to complications during Aprils emergency c-section.

Una lunga ed esaustiva spiegazione la fornisce proprio April, moglie di Maxamillian e mamma di Rosalia, in un post Facebook del 26 luglio 2018 dove esprime tutto il suo affetto nei confronti di coloro che criticavano le foto:

Excuse me lookin a little rough this morning but I just gotta get this off of my chest. What do most people do when they have a happy moment/memory that they want to share with their friends & family? They post it on social media, right? Well that’s exactly what we did when Rosalia was born. We have friends and family all over the world and nowadays that’s the easiest way to share these moments. We did not expect our story to go viral the way it did and everyone is entitled to their own opinion. Overall, we’ve had such amazing and positive responses to what happened to our family and I cannot thank those people enough for being so kind and thoughtful. I have tried so hard not to read or respond to any of the negative and nasty comments people have said about my husband on Facebook or Instagram. Part of my birth plan was to breastfeed our babygirl but due to recovering in ICU from my seizures and surgery, I was knocked out for hours and she needed to eat. Of course she could have been bottle fed but that wasn’t part of my plan. My husband stepped up to the plate and did something he didn’t have to. He had a FAKE NIPPLE on, it’s not like it was his real nipple she was feeding off of and even if it was, so the fuck what, it’s our baby. That’s fine if you don’t agree with what he did but keep your negative comments to yourself. Nothing you say is going to change what happened that day, it’s done and over with. It happened that one time and I have been breastfeeding her ever since. Don’t judge something that you don’t fully understand.

April non immaginava che la loro storia diventasse virale, ringraziando da una parte chi ha compreso il gesto di un padre premuroso e dall’altra “salutando” coloro che li hanno criticati o attaccati pesantemente spiegando che non le era possibile allattare Rosalia per via del suo recupero in terapia intensiva in seguito al parto. Le crisi durante il lieto evento lo fecero diventare pericoloso al punto tale da optare per un cesareo, senza contare che la donna aveva problemi ormonali e di pressione.

 

La tecnica usata dal padre della bambina

Come spiega April, suo marito aveva usato un finto capezzolo per permettere a Rosalia di bere il latte a contatto con il corpo del padre. Ecco le foto pubblicate il 2 luglio 2018 nella pagina di WBAY TV-2:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il latte era contenuto in una siringa che pian piano veniva portato verso il finto capezzolo dove Rosalia succhiava. Un sistema molto curioso, ma già in uso in episodi simili dove però erano protagoniste le madri.

Un finto capezzolo per allattamento acquistabile online

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.