Il gatto Pilù che eredita un milione di euro e la Fondazione

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 4 maggio 2018 la testata giornalistica Repubblica racconta una storia “simpatica” ai suoi lettori in un articolo intitolato “E il gatto Pilù ereditò un milione e mezzo di euro“:

Avete presente gli Aristogatti, trattati come principini dalla loro padrona nel celebre film di Walt Disney? La favola diventa realtà: Pilù, gatto veronese adottato dalla signora Cecilia Anna D., classe 1930 è tra i gatti più ricchi del mondo: è passato da trovatello a ricco ereditiero. La sua padrona, venuta a mancare quindici giorni fa, gli ha lasciato un milione e mezzo di euro. Nel testamento della signora, ex funzionaria della presidenza del Consiglio, c’è un “legato Pilù”, visto che per legge in Italia non possono diventare eredi gli animali, contrariamente a quanto accade in Francia o in Germania. A raccontare la vicenda sono i legali della Fondazione risparmiatori, ai quali Cecilia Anna D. si era rivolta.
Storie simili si leggono spesso online e si stenta a credere siano vere. Ma Andrea Ferrari, della Fondazione italiana Risparmiatori assicura: “E’ tutto vero e abbiamo tutta la documentazione”. Spigano ancora i legali: “La signora ci aveva incaricato di predisporre un testamento in favore di Pilù: alla morte il suo patrimonio avrebbe dovuto essere “utilizzato” in funzione del gatto». Ora quei soldi sono a disposizione di Pilù, per le spese veterinarie, per il mantenimento e per ogni altra necessità certificata.

La fantomatica “Fondazione italiana Risparmiatori” non è nuova in questo genere di storie, infatti è la stessa che qualche settimana fa aveva fatto credere a molte testate di una presunta eredità di tre miliardi e mezzo di lire in Svizzera e altri esempi simili. Proprio il 20 aprile 2018 sul Corriere avevamo raccontato i retroscena con l’articolo di Paolo Beltramin al quale ho collaborato, ma risulta evidente che la lezione non è servita ai giornalisti o chi lavora nelle redazioni senza meritare tale titolo. In sintesi:

  • la Fondazione Italiana Risparmiatori non è registrata nell’elenco della Regione Lombardia;
  • nella sede indicata nel sito non risulta alcun loro ufficio (via Tortona, 37 – Milano);
  • il dominio è registrato a dicembre 2017 e usa gli stessi servizi a cui si affidava Agitalia (Webnode);
  • nel sito non è presente lo Statuto, una Partita Iva o un Codice Fiscale;
  • esiste un contatto telefonico, un cellulare, presente anche in un inserzione per la vendita di una casa a Roma e per un uomo che si propone per feste di addio al nubilato;
  • qualcosa lo aveva già scritto il collega di Butac, associandolo appunto ad Agitalia e a Canzona.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ora veniamo a chi ha creduto al comunicato della “Fondazione” sulla presunta riccona “Cecilia Anna D.” (definita “ex funzionaria della presidenza del Consiglio” per far pensare che si diventa milionari assumendo certe cariche) e al suo gatto “Aristogatto“:

Basta, mi fermo!

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.