Un terrorista Isis che parla italiano?

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Il 9 febbraio 2018 il sito ImolaOggi (di cui avevo parlato in un recente articolo) pubblica un articolo dal titolo ““Dai un bacio a mamma”, il terrorista Isis saluta i figli in italiano“:

“Dai un bacio a mamma”. Sono le parole pronunciate da un miliziano dell’Isis che, tra baci e abbracci, saluta i figli prima del martirio. L’uomo, il cui nome da combattente sarebbe Abu Abdillah Ash-Shami, è seduto su una sedia a rotelle e sulle ginocchia porta un fucile. Il video porta il marchio di al Hayat Media center, una delle case di produzione legate all’Isis, che ha postato sui social network il settimo capitolo di una serie intitolata “Inside the Caliphate”. Nel filmato sono riprese le azioni di miliziani devoti al martirio, gli ‘Istishhadi‘, compiute in Siria e contro i combattenti del Pkk curdo nella zona nord del Paese mediorientale.
Nel video della durata di circa 20 minuti, inoltre, altri miliziani pronunciano parole in italiano. Frutto, probabilmente, di una loro vicinanza a “devoti del Califfo” provenienti dal nostro Paese. E non è certo una novità la presenza di “italiani” tra le fila del Daesh, ma per la prima volta vengono registrati audio con parole scandite in italiano.

In particolare, ad un certo punto, le immagini si soffermano appunto su un candidato al martirio ripreso nell’atto di salutare i figli per l’ultima volta e, rivolgendosi alla bambina, esclama: “Dai un bacio a mamma”, unica frase pronunciata in italiano durante la conversazione completamente in lingua araba.

In altri momenti del filmato, però, altri miliziani pronunciano parole nella nostra lingua. Al minuto 8.40, in mezzo agli spari durante un attacco terroristico, qualcuno urla: “Vai, vai, vai”.

Ovviamente nell’articolo non viene riportato alcun link o il video originale, rendendo di fatto difficile per l’utente ascoltarne l’audio. Lo trovo caricato nel sito Jihadology.net (scaricabile qui) e il momento in cui sembra sentir dire “Dai un bacio a mamma” lo trovate intorno al minuto 16:35 con la traduzione in inglese riportata in basso al video:

Traduzione nei sottotitoli del video: “Take care of your mother. Okay?”

Incuriosito da questa storia, mando il video ad una mia amica interprete siriana che mi aveva aiutato in altre occasioni in passato (come nell’esempio successivo). In seguito alla sua analisi, mi spiega che il terrorista parlerebbe in dialetto beduino e rivolgendosi alla bambina le dice “prenditi cura di tua madre” (“Take care of your mother” nei sottotitoli), non “dai un bacio alla mamma” in italiano. Inoltre mi fornisce come si scrive tale frase e la pronuncia in quel dialetto:

دير بالتش على ماما هاه

dir balch ala mama hah

Non è la prima volta che capitano queste interpretazioni, infatti è del tutto pacifico che alcune pronunce di parole o frasi in lingua straniera ci ricordino quelle della nostra lingua (stesso vale per altri di altre lingue). Era successo anche nel 2015 in un servizio di La7 dove si sosteneva che un terrorista dicesse in un video “yalla, piano” mentre invece diceva “yalla, ya rab“, ossia “vai, oh Signore“.

Non c’è bisogno di queste interpretazioni per scoprire l’esistenza di terroristi che parlano in lingua italiana, infatti possiamo leggere un articolo del Corriere della Sera del 25 agosto 2014 intitolato “Giovani e convertiti, chi sono i 50 italiani dell’Isis” e uno di TGCom del 20 dicembre 2014 intitolato “Giampiero, il jihadista italiano: Occidente ti distruggerò.

Edit

Una perla offerta da Marco in pagina:

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.