Un presunto hacker vi chiede l’amicizia su Facebook? Non accettatela e seguite questi consigli

Circola in questi giorni l’ennesima catena di Sant’Antonio dove si invita i propri contatti a non accettare la richiesta di amicizia di una tal “Marcella Labelle Carradori“, accusata di essere un hacker:

Dì a tutti i contatti della tua lista di Messenger di non accettare la richiesta di amicizia di Marcella Labelle Carradori. È un hacker e ha collegato il sistema al tuo account di Facebook. Se uno dei tuoi contatti lo accetta, verrai attaccato anche tu, quindi assicurati che tutti i tuoi amici lo conoscano. Inoltralo come ricevuto.
Tieni premuto il dito sul messaggio. In basso al centro si presenterà l’icona di “inoltra”. Clicca sopra e si presenterà la lista dei tuoi contatti. Clicca sul nome, invia. Grazie.

Non ho trovato un account chiamato “Marcella Labelle Carradori“, potrebbe non esistere come potrebbe aver cambiato nome per evitare l’inutile linciaggio da parte di chi crede a queste bufale.

La ricerca del profilo da esito negativo

Se avete creduto e diffuso questo folle messaggio, anche se “Marcella Labelle Carradori” esistesse e vi chiedesse l’amicizia non solo non dovreste accettarla, ma fareste bene a non accettare qualunque altra richiesta di amicizia per evitare che in futuro condividiate ad altre persone ulteriori Catene di Sant’Antonio come questa! Fareste un favore a voi, alla vostra credibilità e al mondo dei Social Network!

L’alternativa è crescere e smettere di credere a tutto ciò che vi condividono su Facebook, Whatsapp e via dicendo. Vi ricordo che certi messaggi possono creare danni enormi e vi invito a leggere la storia di Alfredo Mascheroni.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.