I commenti sulla tragedia dei rom a Centocelle e la normalizzazione della violenza

Siamo di fronte alla normalizzazione dell’odio e della violenza.  Ormai la Rete è piena di così tanti e orrendi commenti pubblicati da utenti che si danno man forte l’uno con l’altro, guai a farglielo notare che poi rischi di ritrovarti la shit storm addosso.

Vediamo quanto viene riportato dall’articolo de Il Giornale del 10 maggio 2017 dal titolo “Roma, un camper di rom in fiamme nella notte: morte una ragazza e tre bambine“:

Una ragazza di 20 anni e due bambine di 4 e 8 anni sono morte in un incendio divampato nella notte in un camper a Roma, in zona Centocelle.

[…]

E fonti della procura parlano di incendio doloso e di omicidio volontario. Ad avvalorare l’ipotesi del dolo sarebbero delle tracce di liquido infiammabile trovate all’esterno del camper. Gli inquirenti hanno guardato attentamente anche i filmati di una telecamera posizionata nei pressi dell’ingresso superiore del centro commerciale. Nel video si vede una persona che a volto scoperto lancia una bottiglia incendiaria verso la parte anteriore del camper e scappa via mentre il camper viene avvolto dalle fiamme. Sul luogo sono stati trovati l’accendino e il tappo della bottiglia. Nel frattempo è anche spuntata l’ipotesi di una vendetta. I superstiti interrogati hanno confermato che avrebbero subito minacce, anche recenti.

Vediamo ora i commenti, dove c’è chi “fa due conti” e chi contesta la presenza di Virginia Raggi che avrebbe dovuto fare altro:

Nel post Facebook di Simone Di Stefano leggiamo questi commenti:

Si riesce persino a giustificare la morte di due bambine. Non ci sono scuse che tengano, ma per certe persone ormai è un desiderio incontrollabile. Bisogna frenare questo fenomeno, che sta diventando “normale“.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016.