BUFALA Umberto Eco: “Chi voterà NO è un imbecille e i grillini sono una legione d’imbecilli”

Oltre 8 mila condivisioni Facebook per la bufala dal titolo “Umberto Eco: “Chi voterà NO è un imbecille e i grillini sono una legione d’imbecilli”” pubblicata il 29 ottobre dal sito  Tg24.live:

Ho riflettuto, e ho deciso che ci sono almeno 6 motivi per cui voterò sì al referendum. Ho provato a elencarli.

1. Perché non ne posso più di un Paese che sa dire solo no. Siamo un popolo conservatore fino allo spasimo, che a parole chiede riforme ma che al dunque trova sempre modo di affossarle, perché in fondo è complice dello status quo. Dire no è sempre più facile, spesso anche più fico; abbiamo paura di sembrare ingenui o peggio entusiasti. Meglio tenerci il nostro cinismo e il nostro scetticismo, contro tutto e tutti. Così imparano, tiè.

2. Perché chi vota no, nella maggioranza dei casi, non sta votando contro una riforma costituzionale, ma contro Renzi. Privando così il Paese di un tentativo di riforma, pur di danneggiare politicamente il Governo. E ricordando così quel tale che se lo taglia per fare dispetto alla moglie.

3. Perché questa riforma non è (ovviamente) perfetta, ma è comunque qualcosa. Oltre alla trasformazione del Senato introduce anche nuovi meccanismi volti a snellire i lavori parlamentari. Si poteva fare meglio? Sicuramente. Ma da qualche parte si deve pur cominciare. Il meglio è nemico del bene, e l’alternativa è tenerci un sistema che già sappiamo non funzionare. I contrari, in caso di vittoria dei no, promettono riforme alternative, che sappiamo benissimo non si faranno mai.

4. Perché chi critica i compromessi che la riforma ha dovuto accogliere, dimentica che questi sono dovuti all’inevitabile e faticosa ricerca di un consenso parlamentare che andasse oltre la maggioranza. Com’era giusto che fosse, trattandosi di riforma costituzionale. La politica – si dovrebbe ricordare – è l’arte del possibile, e il compromesso ne fa parte integrante. Il paradosso è che coloro che hanno obbligato al compromesso adesso sono contro la riforma. Troppi compromessi, dicono.

5. Perché si fa intenzionalmente melina, confondendo la riforma costituzionale con la legge elettorale. Quest’ultima è stata già approvata ed è legge dello Stato, e non è oggetto di Referendum. Non è perfetta (a me non piacciono per esempio i capolista bloccati) ma è comunque mille volte meglio del Porcellum. È vero che rientra in un più ampio ragionamento sul l’equilibrio dei poteri, ma il rimetterla in discussione – e rendere le due cose indissolubili – mi sembra il classico modo per affossare tutto.

6. Grullini e Salvini voteranno NO perché sono una legione d’imbecilli.

7. Ermes Maiolica ha le corna lunghe

Capiamoci, è una cosa più che ovvia che Umberto Eco non abbia mai fatto alcuna preferenza di voto per questo Referendum costituzionale per tre semplici motivi:

  1. è morto il 19 febbraio 2016
  2. la riforma costituzionale è stata approvata dal Parlamento italiano il il 12 aprile 2016 e non era stato ancora indetto il Referendum;
  3. Ermes Maiolica vi ha trollato ancora!

La depressione rischia di prendere il sopravvento leggendo certi commenti all’articolo:

commenti-bufala-umberto-eco-referendum

Giulio: “Non comprerò mai più un tuo libro…pancione venduto…opinionista lecchino di regime col cervello ormai ingolfato dal grasso. Spero che 10 milioni di Grillini non comprino più nulla scritto da te…”

Gaetano: “Dubito che 10m di grillini abbiano mai comprato un libro di Eco…. non perde nulla”

Gerardo: “Camilleri vota no. e allora chi glielo dice che è un imbecille?”

Giulio: “Personalmente voterò come i grillini e nonostante tutto ho letto tutto di Eco. Mi permetto di dire che ho letto, forse stupendola, Tolstoj, Kafka, Sciascia e quasi tutto ciò che c’è da leggere e ho imparato a detestare la sicumeria becera cone la sua….”

Commenti ironici? Troll che si divertono a prendere per i fondelli gli utenti? L’esperimento sociale di Ermes Maiolica è evidente, lui stesso invitava a pubblicare l’articolo in gruppi specifici:

esperiemento-sociale-ermes

Ermes: “Lo volete fare un esperimento sociale divertente? Pubblicate questo articolo nei gruppi grillini. Poi postate gli screenshot nei commenti”

Ecco alcuni commenti raccolti da Ermes e dagli altri utenti:

Elena: "Lui è un imbecille e demente"

Elena: “Lui è un imbecille e demente”

Eccone un’altro:

commenti-2

Zia Patrizia: “caro eco non hai più ‘eco’renditene conto se puoi. Ciao”

Angelo: “un si x mettetelo nel culo a te e renzi”

Domenico: “CARO ECO SE E VERO CHE PARLI COSI L’IMBECILLE SEI TU”

Accidenti, gli utonti che ci son cascati non hanno nemmeno capito che quello nella foto non è Umberto Eco! Dai ragazzi!

Vi sembra Umberto Eco?
Vi sembra Umberto Eco?

Il suffragio universale va assolutamente rivisto.

AGGIORNAMENTO ore 21:34

Trovo un post pubblicato nel gruppo Facebook “MoVimento Cinque Stelle Campania” e non so se piangere o ridere piangendo:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non si smentiscono nemmeno quelli del gruppo “Club Luigi Di Maio” con i commenti al post:

Questo slideshow richiede JavaScript.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016.