Devastazioni a Parigi: uno dei video non riguarderebbe i festeggiamenti

Dal 23 gennaio 2018 il mio blog non ha più banner pubblicitari e viene sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

Circolano diversi video relativi ai disordini avvenuti ieri in Francia durante e successivamente la finale della Coppa del Mondo di calcio. Uno di questi venne pubblicato per la prima volta su Twitter dall’utente FrDesouche il 15 luglio 2018 alle ore 19:35 con il seguente commento:

Victoire de l’équipe de France, ça chauffe à Bastille… #FRACRO

Il luogo delle riprese è nei pressi della Place de la Bastille, come riporta Le Figaro con un tweet delle ore 21:20.

On gagne, ça casse. On perd, ça casse. Putain de bande d’attardé, pas une minute de répit, aucun respect pour notre magnifique équipe, aucun respect pour les citoyens, aucun respect pour les travailleurs. C’est quoi votre putain de projet en faisant ça bordel.

Un utente di nome Itachi (@narmemene) pubblica un lungo thread su Twitter a partire dalle ore 20:07 per raccontare la sua esperienza nel ristorante presente nel filmato:

We were in the bar but bc of some fight idk people got scared so everyone in the bars in bastille started to jump and run everywhere

I just remember seeing people starting to run so I jumped on the table and ran inside the bar to hide 😭😭

Smh we really thought it was some kind of terrorists ready To shoot

La gente all’improvviso si era messa a correre, il pensiero era dunque quello di un attentato terroristico, come racconta Itachi.

And because of it we missed the last 15 minutes of the game bc well everything was broken in the bars sajsjs

So we had to finish the game watching it on a phone krkrk but still I couldn’t really enjoy it I was still like smh

Also I was thinking “if I die my mom will think its her fault for letting me go smh smh I need to call her and tell her it’s alright” really she was the one I was thinking abojt zhzjx

But then when everything calm down and we went out of the bar it was so sad everything was broken

Itachi racconta che a causa dei disordini si era perso gli ultimi 15 minuti della partita e che alla fine erano uscito dal ristorante ritrovandosi tutto distrutto.

Questo ci fa pensare che i disordini del video non riguardassero i festeggiamenti della vittoria mondiale. Itachi cerca di riconfermare il tutto rispondendo al tweet del video:

C’etait avant la victoire

Anche per l’utente Gillivn (@cn_gillian) sembrava un attentato, come racconta nel seguente tweet:

Nous avions tous cru que c’était un attentat tout le monde s’est mis à courir hurler la police nous a dit de prendre le métro de partir très vite c’est incroyable ce qui s’est passé j’ai eu la peur de ma vie je tremblais j’ai cru qu’il y avait un attentat c’est qui ces FDP

A spiegare il tutto è stato l’utente Soren (@krknln) in questo tweet:

And the same place after a terror scare.

Apparently a poor bloke got beat up for nothing but the sounds were scary enough to get everyone running and most girls crying.

France isn’t the same place anymore, but this night we are all dancing in joy.
#AllezLesBleus

Secondo quanto riportato da Soren, un ragazzo sarebbe stato preso di mira gli atti violenti nei suoi confronti avevano fatto spaventare i presenti scatenando il panico.

Dai tweet pubblicati e dalla foto sotto riportata, Soren era presente sul luogo dell’accaduto:

Ça continue, soutien aux Bleus et les viticulteurs de la #France

Direct depuis la place de la Bastille

#FRACRO
#AllezLesBleus

Osservando la foto di Soren, il locale dove si trovava era quello presente all’angolo tra Rue de la Roquette e la piazza (le foto di Google Street View sono datate 2017, il locale è cambiato).

I riscontri nelle foto

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.