Il Movimento 5 Stelle ha veramente cancellato il sondaggio Facebook, non è una bufala

Ho deciso che dal 23 gennaio 2018 il mio blog non avrà più banner pubblicitari e sarà sostenuto dalle vostre donazioni che potete inviare qui: https://www.paypal.me/DavidPuenteit

In molti ne hanno parlato, dalle varie testate giornalistiche, alle diverse pagine Facebook ed ovviamente i politici. Nella giornata del 29 giugno 2018 il Movimento 5 Stelle aveva lanciato un sondaggio per domandare al “Popolo della Rete” se preferivano “La Casta” o Roberto Fico. Ecco lo screenshot pubblicato da IlPost.it:

Noi pensiamo che i vitalizi siano un privilegio indecente e Roberto Fico si sta impegnando per eliminarli. La casta non è d’accordo e addirittura vorrebbe denunciarlo per questo.
VOI DA CHE PARTE STATE?

Nello screenshot riportato notiamo uno schiacciante 62% a favore della “Casta” e un 38% per Roberto Fico. Secondo Repubblica, al giungere del 65% a favore della prima il sondaggio è stato rimosso. Qualche dubbio era nato proprio sui numeri, diversi erano gli screenshot (Forbes, Il Fatto, LaPresse, Il Giornale e via dicendo) e il timore di una “bufala” era nell’aria per chi ci sperava. Se ci pensate, in molti screen mancava il famoso bollino blu di Facebook:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qualcuno ci spera veramente, o ne è pienamente convinto (12):

Lino: “Questi giornalai stanno per chiudere. IL FANGO QUOTIDIANO SCRIVE BUFALE SU DI NOI!

Enzo: “scusate ma chi ha votato a questo sondaggio?visto che io entro ogni giorno nel blog e nn ho visto nerssun sondaggio chi ha votato ci delucida un po?

Marco: “notizia apparsa sul TG1… assolutamente scandaloso che il principale telegiornale del servizio pubblico riporti un’ informazione manipolata in questo modo!

Ad ogni modo, diamo loro una risposta. Il link del sondaggio era il seguente:

https://www.facebook.com/movimentocinquestelle/posts/10156187501290813

Ora, se cliccate sul link vi ritrovate di fronte la pagina “Questa pagina non è disponibile” con il classico pollicione bendato. Farlocco? Basta poco, effettivamente, creare un link non funzionante per Facebook e ritrovarci quel messaggio. Eppure la cache di Google non mente (vi ho salvato tutto su Archive):

Questa è la copia cache di Google di https://www.facebook.com/movimentocinquestelle/posts/10156187501290813. È un’istantanea della pagina visualizzata il 29 giu 2018 14:52:42 GMT.

Visto l’orario del salvataggio potremmo valutare il lancio del sondaggio intorno alle ore 10 o 11 del mattino. Se cerchiamo il post nella pagina Facebook non lo troviamo, mentre osserviamo tanti altri contenuti sul tema vitalizi (14:3615:0016:15). Motivo? Stelline, è stato cancellato. Amen.

Noto che ad aver votato in massa è stato il gruppo Facebook “Giente Honesta®“, critico verso il Movimento 5 Stelle. Un gruppo di oltre 50 mila persone “contro” oltre 1 milione e 300 mila fan. Difendersi dietro la “trollata” è solo una scusa estremamente ridicola, perché allora chiunque di quel gruppo potrebbe iscriversi a Rousseau e votare contro una proposta o un candidato quando desiderano, “falsando” il voto degli attivisti, senza violare leggi o regolamenti. Il problema serio in questo problema è che un voto è stato cancellato, un voto con il risultato in chiaro, ma a questo punto è lecito domandarsi come siamo sicuri che i voti siano corretti anche nella piattaforma Rousseau dove i risultati li abbiamo soltanto alla fine?

 

AGGIORNAMENTO

Mi son stati segnalati alcuni screenshot di post pubblicati da pagine Facebook e gruppi che si sarebbero mossi per votare “La Casta“:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rimane valida la considerazione del voto e dell’iscrizione, anche da parte di questi, su Rousseau.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.