L’assurdo hashtag #AppleVesuvio di Radio Kiss Kiss Napoli

L’undici gennaio 2017 è il giorno dell’hashtag #AppleVesuvio, nato da una “clamorosa” scoperta diffusa da Radio Kiss Kiss Napoli:

Sulla testiera Apple dopo la parola “Vesuvio” il suggerimento è “lavali col fuoco”.

Nell’era del digitale anziani, adulti e bambini posseggono (almeno) uno smartphone.
Tutto è accelerato, tutto è diventato più veloce, anche la scrittura. Infatti, quando si prova a scrivere un messaggio su Facebook, su WhatsApp e su altre applicazioni degli smartphone, la tastiera ti presenta alcuni “suggerimenti” dopo la parola digitata.

Ad esempio, dopo “Buon” di recente veniva proposta la parola “Natale”, dopo “Tanti” il suggerimento è “Auguri”… E dopo “Vesuvio”?
Sulla tastiera dei dispositivi mobile di casa Apple dopo “Vesuvio” i suggerimenti sono “lavali” “col” “fuoco”.

Questo si verifica a causa della testiera predittiva, una tastiera che crea un dizionario locale all’interno del proprio dispositivo mobile formato dalle parole e dalle frasi che si utilizzano più di frequente e dai “neologismi” non presenti nei “dizionari ufficiali”. Tutti i lemmi di questo piccolo dizionario sono poi catalogati e “valutati” in base alla frequenza di utilizzo: maggiore il valore assegnato ai vari lemmi, maggiore la probabilità che la parola in questione sia proposta come uno dei suggerimenti dalla tastiera predittiva.

Questa scoperta poco piacevole è stata fatta da Radio Kiss Kiss Napoli che ha pensato di lanciare un hashtag per l’occasione: #AppleVesuvio

In un momento storico in cui si cerca di sensibilizzare sul tema del razzismo, questa circostanza non può passare inosservata e speriamo che l’azienda statunitense riesca a modificare e a migliorare il suo algoritmo in questo caso particolare.

Ciò che chiediamo alla Apple, quindi, è di provvedere a “correggere” l’algoritmo al fine di cambiare i suggerimenti che seguono la parola “Vesuvio”.
Noi ne abbiamo alcuni: “Napoli”, “vulcano”, “cratere” – giusto per citarne qualcuno.

Attraverso l’hashtag #AppleVesuvio Radio Kiss Kiss Napoli chiede alla Apple, con il vostro aiuto, di apportare le dovute correzioni.

Siamo di fronte all’assurdo, dove si vuole pretendere che Apple “corregga” il sistema previsto dalla tastiera predittiva. Questo sistema può capitare anche con altre tastiere che prevedono la stessa funzionalità, la richiesta è completamente senza senso se poi digitate tante, ma tante altre frasi offensive di ogni genere. Piuttosto, se non volete vedere questi “orrori” disattivate l’opzione.

Ecco la gif animata creata per l’occasione dalla radio:

L'assurdità
L’assurdità

Pensate che l’hashtag è tra i trend topic di Twitter:

Siamo messi male
Siamo messi male

Nel frattempo NapoliToday non ha capito nulla:

napolitoday

La scoperta, sui dispositivi iOS, ha fatto storcere il naso a molti. Digitando la parola “Vesuvio”, tra le parole suggerite ci sono “lavali”, “col”, “fuoco”.

Il riferimento è evidentemente al famigerato coro razzista che quasi in ogni stadio italiano si canta contro i supporter del Napoli.

Errore software, scherzo o semplicemente gaffe frutto di un algoritmo, l’augurio dei numerosi partenopei che hanno denunciato il fatto è che il problema possa venire risolto quanto prima.

Qualcuno c’è cascato? Ebbene si, così come c’è chi prende in giro l’iniziativa:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.