BUFALA Finisce la fuga di Norbert ‘Igor il Russo’, catturato in Calabria

Oltre 3 mila condivisioni per un “articolo” che sostiene la presunta cattura in Calabria di “Igor il Russo“, ricercato in tutta Italia. Finalmente è finita questa caccia all’uomo? Assolutamente no!


Valutazione

BUFALA


Analisi

Nella mattinata del 16 aprile 2017 il sito Larepubbica.com pubblica una bufala dal titolo “Finisce la fuga di Norbert ‘Igor il Russo’, catturato in Calabria“:

E’ finita la fuga di Norbert ‘Igor il Russo.

Igor il russo, sempre più sedicente tale, ha vissuto in latitanza in un edificio con il tetto sfondato, circondato da qualche transenna e da un paio di cartelli che segnalano il rischio di crolli. Il suo rifugio era al pianterreno, una stanza di due metri per lato, l’unica con il camino.I carabinieri lo hanno trovato all’alba, addormentato per terra, ubriaco e quasi incosciente. Accanto a sé teneva l’arco usato per le prime rapine. Il casolare è in fondo alla strada vicino Zungri.
E’ stato subito trasportato in caserma e poi al carcere di Reggio Calabria, dove sarà in attesa di molti interrogatori.

Ad oggi, 17 aprile 2017 alle ore 1:58, non vi è alcuna notizia ufficiale in merito alla presunta cattura del ricercato “Igor“. Piuttosto, da quel che viene riportato dal vero sito “Repubblica.it“, risulta ancora ricercato e probabilmente ferito. Lo stesso vale per molte altre testate giornalistiche nel corso della giornata del 16 aprile, ma soprattutto nessuna parla della sua cattura.

Il sito non appartiene ad una testata giornalistica, ma sfrutta quella più nota de “La Repubblica” facendosi chiamare “La Repubbica“, con tanto di loro modificato. Questo ha fatto cadere in inganno qualche utente, soprattutto tramite la navigazione mobile:

In sito bufalaro visto da mobile

Nonostante ciò, non si spaccia per sito “satirico” come fanno altri:

La Repubbica è un portale di notizie, intrattenimento e molto altro ancora. Vi mettiamo a disposizione con le ultimissime notizie e video di tutto il mondo.

I contenuti del sito vengono condivisi via Facebook attraverso pagine come “Io Sto Con Raz” (1,2,3):

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il dominio è stato creato a febbraio ed appartiene ad un tal Francesco Tassone:

Whois del dominio

La pagina Facebook “Io Sto Con Raz” non pubblica solo i contenuti di questo sito, ma anche di quello chiamato LaStampa.info:

La condivisione di LaStampa.info

Il link, nonostante tutto, reindirizza al sito LaRepubbica.com. Il dominio LaStampa.info risulta registrato a nome di una tale Carla Presti, ma l’email usata per la registrazione (“vegano2526[at]libero.it“) è molto simile a quella usata per LaRepubbica.com (“vegano2510[at]libero.it“):

Whois di LaStampa.info

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall’età di 7 anni. Laureato presso l’Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.

REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.