Zingari che si spacciano per dipendenti Enel, la bufalosa caccia alle streghe via Whatsapp

In questi giorni si sono diffuse due bufale pericolose e diffamatorie via Whatsapp. La prima riguarda quella di presunti zingari a bordo di una Renault Scenic targata BJ210EP:

i_d4ad545913

Attenzione!! Zingari in valle…. viaggiano su una Renault Scenic targata BJ210EP, se li vedete, avvisate i Carabinieri. Hanno già commesso furti, sono pluriricercati, fare girare il numero di targa a più possibile. Grazie!!!

Tra i primissimi a raccontare la bufala furono quelli del sito Savonanews.it. La seconda riguarda quella dei falsi dipendenti Enel, diffusa da pagine come quella di “Bari City“:

bari-city-%e1%83%a6-diario

Fallo girare sono truffatori si spacciano per dipendenti di Enel Energia occhi aperti. La segnalazione arriva dalla radio mobile di gioia del colle ma stanno agendo su Acquaviva

In seguito è circolata un’altra bufala che unisce entrambe le precedenti:

15941587_1396506880359532_185084851_n

A far luce sulla vicenda c’ha pensato la pagina Facebook della Polizia Postale “Una vita da social“:

FALSI ADDETTI ENEL. Si è rivelata una bufala l’allarme scatenato tra ieri e oggi da un messaggio wahatsapp che invitava a diffidare di due falsi impiegati Enel con tanto di foto. Purtroppo le foto ritraggono persone realmente dipendenti dell’azienda Enel energia e ciò ha arrecato agli stessi anche il pericolo di essere malmenati con la diffusione di tale notizia. Isoliamo questi irresponsabili e prima di viralizzare gli allarmi verificate o chiedete a noi. Le persone coinvolte loro malgrado sono state costrette a recarsi negli uffici della polizia postale di Salerno a sporgere denuncia.

Ormai è una continua caccia alle streghe via Whatsapp, Facebook e qualsiasi altra forma di comunicazione che permetta la circolazione di “catene di Sant’Antonio” come queste.

Non siate complici e ricordate che prima o poi la fiaba “Al lupo al lupo” ve la farà pagare cara.

David Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi almeno a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. I maleducati (soprattutto se anonimi) verranno bloccati. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016 - Aggiornato 26 agosto 2017.