Come ti sfrutto il M5S per far soldi a colpi di fake news: la pagina Facebook cambia dopo il Referendum

mutazioni-elettorali-facebook

C’era una volta una pagina Facebook chiamata “Il Saggio del MoVimento 5 Stelle” che durante la campagna referendaria diffondeva fake news, articoli a favore del NO e una serie di immagini dal contenuto ridicolo:

Il nome e l'immagine della pagina prima del cambio
Il nome e l’immagine della pagina prima del cambio

Ecco qualche esempio:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ora la pagina Facebook ha cambiato nome, si fa chiamare “Il Saggio Folle“, cancellando del tutto il logo del Grillo Parlante e il riferimento al M5S (elementi che rimangono, tuttavia, in qualche immagine e qualche post).

La nuova veste della pagina, a cui è stato modificato il titolo e le foto di riferimento.
La nuova veste della pagina, a cui è stato modificato il titolo e le foto di riferimento.

Prima ancora la stessa pagina si chiamava in altro modo, semplicemente “Il Saggio“:

Prima dei diversi cambi, la pagina si chiamava "Il Saggio"
Prima dei diversi cambi, la pagina si chiamava “Il Saggio”

A chi giovava sfruttare il nome del Movimento, a sua volta favorendolo? A chi possiede due siti internet ormai noti per diffondere bufale e disinformazione: Web-news24.comLast-webs.com.

I target di riferimento per far soldi, ormai, potete ben capirli:

Questo slideshow richiede JavaScript.

I proprietari dei siti e delle pagine Facebook di questo genere prendono in giro gli utenti, ma sarebbe ora che questi si svegliassero veramente.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE
Non sono consentiti:
- messaggi off-topic (tradotto: non inerenti al tema trattato)
- messaggi anonimi (registratevi a Disqus)
- messaggi pubblicitari o riportanti link truffaldini (verranno sempre moderati i commenti contenenti link esterni)
- messaggi offensivi o contenenti turpiloquio
- messaggi razzisti o sessisti
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Se vuoi discutere in maniera costruttiva ed educata sei il benvenuto, mentre maleducati, fanatici ed esaltati sono cortesemente invitati a commentare altrove.
Comunque il proprietario di questo blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi che violeranno queste semplici regole. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Regolamento in vigore dal 5 settembre 2016.